Likes Likes:  563
Dislikes Dislikes:  0
Pagina 1 di 96 123 11 51 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 960
  1. #1
    Top Member L'avatar di mesociclone
    Registrato dal
    Nov 2010
    Residenza
    Ti te dominet Milan
    Messaggi
    23,084

    La fiera della disinformazione sul sito meteo più visitato d'Italia

    Voglio porre l'attenzione su questo articolo, che data 3 giorni fa, apparso su ilmeteo.it, il sito meteo più visitato d'Italia.

    Editoriale meteo >> Parliamo di tornado, trombe d'aria e trombe Marine. Fenomeni possibili anche in Italia | IL METEO.IT

    Tornado, trombe d'aria e trombe marine

    I tornado sono tipicamente associati a delle celle temporalesche particolarmente intense, chiamate supercelle. Si tratta di tempeste caratterizzate da potenti correnti ascendenti che a volte si estendono fino all'apice della nube, producendo un rigonfiamento nella tipica forma ad incudine della parte superiore. La corrente ascendente vicina al centro della tempesta ruota velocemente a causa del rapido cambiamento di velocità e di direzione del vento con l'altezza, un fenomeno chiamato "wind shear". Questo movimento rotazionale è una delle forze principali di un tornado. Il rumore del vento può essere sentito anche a molti chilometri di distanza e raggiunge il suo culmine quando il tornado tocca terra.

    Anche in Italia può capitare che una tromba d'aria (temine con il quale viene definito un fenomeno mediamente meno intenso del tornado) prenda vigore entrando nella scala d'intensità di Fujita (vedi di seguito). Nella giornata di Venerdì 23 Luglio ricordiamo l'evento che ha colpito l'isola di Pellestrina, sicuramente il fenomeno non avrebbe superato la categoria F0 fatto che comunque è già accaduto più volte anche in Italia:
    "Una tromba d'aria si è abbattuta poco prima delle ore 18 a Pellestrina, colpendo soprattutto la zona di Portosecco. La Protezione civile, ad una prima stima, ritiene rilevanti i danni (alberi abbattuti, barche danneggiate, tetti colpiti dalla furia del vento). In particolare potrebbero essere ingenti i danni al Palazzetto dello Sport. I volontari di Protezione civile dell'isola stanno già operando. La Protezione civile comunale sta inviando nell'isola squadre dalla terraferma ed ha chiesto rinforzi alla Protezione civile provinciale."

    La scala di Fujita

    Grado Classificazione Velocità del vento
    F0 DEBOLE 64–116 km/h
    F1 MODERATO 117–180 km/h
    F2 SIGNIFICATIVO 181–253 km/h
    F3 FORTE 254–332 km/h
    F4 DEVASTANTE 333–419 km/h
    F5 INCREDIBILE 420–512 km/h

    L'intensità dei tornado

    La scala riportata qui sopra classifica i tornado in base alla loro intensità, analizzando la scia di devastazione che lasciano dietro di sé. Quando un tornado F5 attraversa un'area popolata causa una distruzione totale come avvenne durante il famoso tornado Tri-State nel marzo del 1925 negli USA. La scala è stata sviluppata dal Professor Theodore Fujita (1920-98), un meteorologo dell'Università di Chicago. La velocità del vento dei tornado può essere solo una stima del suo valore effettivo perché nessuno strumento meteorologico può resistere alla forza devastante del vortice all'interno dell'imbuto. La maggior parte dei danni causati da un tornado sono dovuti a questi potenti venti, ma alcuni sono causati dall'estrema differenza di pressione tra l'interno dell'imbuto e l'aria circostante.

    Da temporale a tornado

    Una supercella temporalesca contiene una forte corrente ascendente rotante chiamata mesociclone. In determinate condizioni questo sistema si estende verso il basso, diventando più compatto e ruotando più velocemente, per poi raggiungere il suolo sotto forma di tornado. Grossi chicchi di grandine e fulmini a volte accompagnano i tornado. Due segnali sono utili nel discriminare le celle temporalesche che possono sviluppare un tornado. Il primo è lo sviluppo di un minaccioso rigonfiamento a livello della classica parte superiore della nube a forma di incudine. Questo indica che il movimento di aria al centro della cella è così forte da arrivare in alto nella troposfera. Il secondo segnale è lo sviluppo di nubi del tipo mammatus.

    La formazione di un tornado

    La tipica nube a forma di imbuto che si prolunga fino al suolo a partire da una nube temporalesca è l'elemento che la maggior parte delle persone riconosce come associato a un tornado. La pressione dell'aria estremamente bassa all'interno dell'imbuto causa la condensazione del vapore acqueo nell'atmosfera rendendo visibile l'imbuto stesso. A volte i detriti richiamati verso l'alto dalla potente spirale ascendente possono colorare l'imbuto. Il rigonfiamento alla base della cella temporalesca è noto come nube a parete. Particolari condizioni meteorologiche possono portare a una linea di celle temporalesche che formano una serie di numerosi tornado, con conseguenze particolarmente devastanti e letali.

    Sotto osservazione


    Un grosso tornado accompagnato da lampi si profila minaccioso all'orizzonte. La regolarità delle previsioni meteorologiche è di vitale importanza soprattutto quando i tornado colpiscono di notte. Infatti ci si può accorgere dell'arrivo di un tornado solo avvistandolo quando viene illuminato da un fulmine. Quando i dati meteorologici indicano la possibile formazione di un tornado, la situazione viene monitorata attentamente per avvertire la popolazione.

    Una colonna d'acqua in movimento

    Una tromba marina ( in inglese waterspout) è un fenomeno tornadico, assimilabile alla tromba d'aria, che si sviluppa o si muove sulla superficie dell'acqua (un mare, una laguna o un lago). Il fenomeno si genera in presenza di una cella temporalesca e presenta in genere una minore intensità rispetto a quello terrestre per la maggiore instabilità della base, dovuta alla presenza dell'acqua. Esso ha in genere termine all'esaurirsi della cella stessa o nel momento in cui la tromba incontra un fronte di pioggia. Come i tornado, le trombe marine possono provocare danni, ma in genere l'entità è minore.
    Tralasciando il primo paragrafo, che è ai limiti dell'incomprensibile e assolutamente disutile, voglio soffermarmi su alcuni punti, assolutamente "curiosi".

    Anche in Italia può capitare che una tromba d'aria (temine con il quale viene definito un fenomeno mediamente meno intenso del tornado) prenda vigore entrando nella scala d'intensità di Fujita (vedi di seguito).
    Tromba d'aria e Tornado sono termini assolutamente equivalenti.
    Definizioni come Tromba d'Aria o Mini-Tornado, volutamente usate per indicare una sorta di fenomeno meno intenso del "Tornado", non hanno alcuna valenza scientifica, il "Mini-Tornado" non esiste. Esiste il fenomeno che si riconduce sotto il nome di Tornado (che può essere di natura mesociclonica o non mesociclonica e in questo caso prende il nome di Landspout Tornado), ovvero una colonna d'aria in violenta rotazione che dalla base di un Cumulonembo giunge a toccare il suolo, che può essere più o meno visibile (nube ad imbuto) a seconda di vari fattori, in special modo l'umidità (il Tornado può anche essere parzialmente condensato, ossia pur toccando terra lcolonna d'aria, la nube ad imbuto può essere visibile solo in parte).

    Un classico Tornado di natura mesociclonica, caratterizzato dalla presenza della Wall Cloud:



    Un Tornado Landspout di natura NON mesociclonica, caratterizzato dall'assenza della Wall Cloud:



    Un Tornado parzialmente condensato:



    La scala di Fujita

    Grado Classificazione Velocità del vento
    F0 DEBOLE 64–116 km/h
    F1 MODERATO 117–180 km/h
    F2 SIGNIFICATIVO 181–253 km/h
    F3 FORTE 254–332 km/h
    F4 DEVASTANTE 333–419 km/h
    F5 INCREDIBILE 420–512 km/h

    L'intensità dei tornado

    La scala riportata qui sopra classifica i tornado in base alla loro intensità, analizzando la scia di devastazione che lasciano dietro di sé.
    La scala Fujita non è più in uso per la valutazione dei danni provocati dai Tornado dal Febbraio del 2007.
    La scala Fujita, infatti, era ormai vecchia e superata, inoltre i danni non avevano una corretta corrispondenza con i venti stimati (intensità dei venti sovrastimata), dopo attenti studi sul campo negli States, condotti da esperti, quindi, si è deciso di utilizzare una nuova scala, detta Enhanced Fujita.

    Scala Enhanced Fujita (Grado/Velocità del vento):

    EF0 105–137 km/h
    EF1 138–178 km/h
    EF2 179–218 km/h
    EF3 219–266 km/h
    EF4 267–322 km/h
    EF5 >322 km/h

  2. #2
    Top Member L'avatar di mesociclone
    Registrato dal
    Nov 2010
    Residenza
    Ti te dominet Milan
    Messaggi
    23,084
    Grossi chicchi di grandine e fulmini a volte accompagnano i tornado.
    Frase quantomeno curiosa, penso si commenti da sè.

    Due segnali sono utili nel discriminare le celle temporalesche che possono sviluppare un tornado. Il primo è lo sviluppo di un minaccioso rigonfiamento a livello della classica parte superiore della nube a forma di incudine. Questo indica che il movimento di aria al centro della cella è così forte da arrivare in alto nella troposfera. Il secondo segnale è lo sviluppo di nubi del tipo mammatus.
    Se è vero che l'Overshooting Top (quello che l'autore di questo articolo definisce "minaccioso rigonfiamento a livello della classica parte superiore della nube a forma di incudine") è spesso caratteristico delle Supercelle, non è, tuttavia, un elemento che certifichi il fatto che una cella temporalesca sia effettivamente una Supercella. Inoltre l'Overshooting Top indica che le correnti ascensionali sono talmente forti da sfondare la barriera della Tropopausa, non da "arrivare in alto nella troposfera".
    Le "mammatus", invece, se è vero che possono trovarsi in temporali di forti intensità, come "sintomo" di forti correnti ascensionali, è anche vero che si possono trovare in temporali di modesta o debole intensità o addirittura in fase di dissolvimento.

    Il "segnale", a livello di nubi accessorie, invece, da osservare per capire se effettivamente ci sia un rischio tornadico è ben diverso.
    L'unico"sintomo" che ci permette di dire con una certa sicurezza che è presente il rischio dell'insorgere di un Tornado rilevante è assolutamente la presenza di una Wall Cloud, in quanto certifica la presenza di un mesociclone.

    Overshooting Top:



    Wall Cloud:



    A volte i detriti richiamati verso l'alto dalla potente spirale ascendente possono colorare l'imbuto.
    Altra frase ridicola, anch'essa si commenta da sè.


    Un grosso tornado accompagnato da lampi si profila minaccioso all'orizzonte.
    Questo è un errore già più perdonabile.
    In realtà questa celeberrima foto non mostra un tornado, ma semmai una Waterspout/Tromba Marina:

    This photo was taken by Fred Smith in Okeechobee, Florida in 1991. It shows a water spout and a large, clear lightning bolt. Many people have passed it off as other weather events through the years.
    Forse sarebbe meglio che il sito più visitato d'Italia cominciasse a curare meglio i suoi editoriali, perchè la disinformazione meteo già dilaga di per sè e non mi sembra sia necessario alimentarla ulteriormente.
    C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

    Sheldon Cooper

    L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
    ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
    Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
    c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
    ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
    e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


    Johann Wolfgang von Goethe

  3. #3
    Unimeteo Webmaster
    Registrato dal
    Nov 2010
    Residenza
    Parmense
    Messaggi
    5,482
    Grazie meso, grazie di cuore

  4. #4
    mattiab
    Guest
    quanti errori, quello della scala Fujita però me la sarei bevuta anch'io. Le altre invece, castronerie evidenti e clamorose.

  5. #5
    Sardus Pater L'avatar di sardo doc
    Registrato dal
    Jan 2011
    Residenza
    Selargius (CA)
    Messaggi
    7,126
    Proposta per Mesociclone e lo staff: perché non tenere una discussione sui fenomeni temporaleschi, su come riconoscerli ecc ecc.
    Ve lo dico perché in queste poche ho capito che ancora devo imparare molto sui fenomeni temporaleschi. Per esempio non sapevo ci fosse una nuova scala Fujita, e pensavo che l'Overshooting top fosse la peculiarità che distingueva i mesocicloni dai ts normali.....
    "La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

    "QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

    "Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
    Bertolt Brecht

  6. #6
    Top Member L'avatar di mesociclone
    Registrato dal
    Nov 2010
    Residenza
    Ti te dominet Milan
    Messaggi
    23,084
    Quote Originariamente inviato da mattiab Visualizza il messaggio
    quanti errori, quello della scala Fujita però me la sarei bevuta anch'io. Le altre invece, castronerie evidenti e clamorose.
    Certo la scala Fujita è settoriale, però se una persona scrive un articolo per un sito meteo deve sapere di quel che sta parlando, non può copiare da wikipedia. Quindi deve avere conoscenze approfondite.

    Quote Originariamente inviato da sardo doc Visualizza il messaggio
    Proposta per Mesociclone e lo staff: perché non tenere una discussione sui fenomeni temporaleschi, su come riconoscerli ecc ecc.
    Ve lo dico perché in queste poche ho capito che ancora devo imparare molto sui fenomeni temporaleschi. Per esempio non sapevo ci fosse una nuova scala Fujita, e pensavo che l'Overshooting top fosse la peculiarità che distingueva i mesocicloni dai ts normali.....
    Non c'è problema, se mi viene in mente qualcosa apro io, altrimenti basta aprire una discussione in Didattica e chiedere.
    C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

    Sheldon Cooper

    L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
    ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
    Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
    c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
    ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
    e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


    Johann Wolfgang von Goethe

  7. #7
    Mega Member L'avatar di matteo1982
    Registrato dal
    Nov 2010
    Messaggi
    3,526
    Sapevo della scala Fujita, come le altre cose, secondo me tutte basilari per un esperto meteo (io non lo sono).

  8. #8
    Top Member L'avatar di mesociclone
    Registrato dal
    Nov 2010
    Residenza
    Ti te dominet Milan
    Messaggi
    23,084
    L'ennesimo episodio censurabile di ieri:





    Da ciò si evince la scarsa o nulla volontà di fare informazione seria, di usare il termine "supercella" non per collocarlo in un contesto di validità scientifica, ma solo per fare del sensazionalismo senza fondamenti.
    C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

    Sheldon Cooper

    L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
    ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
    Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
    c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
    ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
    e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


    Johann Wolfgang von Goethe

  9. #9
    Marchigiano Member L'avatar di Canta86
    Registrato dal
    Oct 2008
    Residenza
    Castelfidardo(AN) 120 metri d altezza
    Messaggi
    7,613
    a volte mi sembra di vdere studio aperto con ciò che scrive antonio

  10. #10
    Junior Member L'avatar di Statistician
    Registrato dal
    Nov 2010
    Residenza
    Vigodarzere (PD)
    Messaggi
    420
    mi conforta sapere che, aldilà della scala fujita, il resto mi era abbastanza chiaro e avrei avuto le stesse obiezioni da fare...
    qualcosa, ultimamente, ho appreso...

Pagina 1 di 96 123 11 51 ... ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •