Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
"Sono poche le possibilità di raggiungere il quorum"
#1
Il 12 e il 13 giugno prossimi si voteranno i 4 referendum abrogativi al centro di accese discussioni nel paese: due sulla privatizzazione dei servizi idrici, uno sul nucleare e un altro sul legittimo impedimento. A poche ore dal voto ci si interroga sulla possibilità di raggiungere il quorum e sulle modalità di voto: ne abbiamo parlato con l'analista e sondaggista Luigi Crespi.
Crespi, il 12 e il 13 giugno si voteranno i 4 referendum abrogativi, quante possibilità ci sono che si raggiunga il quorum?
Credo ci sia un probabilità bassa, molto bassa, che si raggiunga il 50% + 1 dei votanti, la percentuale minima affinché si superi il quorum. Nei referendum si deve innestare un meccanismo di coinvolgimento che convinca l’elettore a votare. Fino alla scorsa settimana ero più fiducioso che ciò avvenisse, oggi lo credo meno. Ottimisticamente il dato dell’affluenza si assesterà intorno al 40-45%. Non credo si possa andare oltre. Conterà molto la prima proiezione.
Ovvero?
Sarà importante vedere cosa diranno le prime proiezioni di domenica alle 12, se quel dato convincerà la gente che il quorum è raggiungibile allora c’è una possibilità ma se il dato è molto basso i votanti saranno scoraggiati.
Sotto un profilo tecnico, come verranno conteggiate le schede?
Il quorum andrà raggiunto su ogni singolo quesito, non in maniera cumulativa aggregando le 4 percentuali. La scheda lasciata bianca dal votante verrà comunque compresa nel calcolo per il raggiungimento della soglia del 50% + 1 degli aventi diritto. Per fare un esempio, personalmente voterò solo il quesito sul nucleare perché me lo ha chiesto mia figlia, ma non gli altri tre.
In quest’ottica crede che conterà l’alto astensionismo registrato alle elezioni amministrative?
Si, c’è una relazione, un filo conduttore che unisce le due votazioni. Sicuramente i due appuntamenti sono legati. Inoltre bisogna ricordare che il 12 e 13 giugno sono date infelici, che scoraggiano i cittadini a recarsi al seggio.
Ci possono essere differenziazioni tra il Nord e il Sud d’Italia?
C’è una differenza netta tra le due realtà. Basti pensare al primo quesito referendario del 1946 in cui si sceglieva tra monarchia e repubblica: considerando solo i voti del sud saremmo uno stato monarchico. In termini numerici lo scarto può essere anche di 10 punti percentuali, si sono verificate occasioni in cui il quorum è stato raggiunto al nord ma non al sud.
Oltre alla componente geografica si devono considerare altri fattori?
Credo che l’età e il grado d’istruzione saranno marginali. Un ruolo importante lo giocheranno invece i centri di residenza.
C’è differenza tra città e città?
Non proprio. Si tratta più di diversità tra centri abitati piccoli e grandi. Nelle grandi città si crea più “efficacia mediatica” nel messaggio che i sostenitori del referendum lanciano, questo influirà positivamente sulla percentuale di votanti. Nei piccoli centri, al contrario, l’effetto si sente meno. Vedremo come andrà.
"Sono poche le possibilità di raggiungere il quorum" | l'Occidentale

Speriamo che si sbagli :rabbia::rabbia:
Stazione meteo Tortoreto Lido (TE)


[Immagine: OutsideTempHistory.gif]
[Immagine: meteogram.png]
Cita messaggio
#2
Mah... Tanto in Italia i risultati referendari vengono quasi sempre aggirati...
E anche sul nucleare non mi preoccuperei (se fossi in te), questo governo non sa dove mettere i ministeri, figurati se sa dove mettere le centrali nucleari... :lolA:
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#3
Gennaio1985 Ha scritto:Mah... Tanto in Italia i risultati referendari vengono quasi sempre aggirati...
E anche sul nucleare non mi preoccuperei (se fossi in te), questo governo non sa dove mettere i ministeri, figurati se sa dove mettere le centrali nucleari... :lolA:

A proposito, ma il ponte sullo Stretto? :lolA:
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#4
mesociclone Ha scritto:A proposito, ma il ponte sullo Stretto? :lolA:
Vedo che ci siamo capiti... :occhio:
Intanto c'è un mio concittadino acquisito (ex MSI, ex AN, ora PdL), che percepisce fior di milioni come Consigliere della società Ponte di Messina, oltre che come Consigliere di Amministrazione della Rai... E' questo che conta...
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#5
Mi stavo domandando... Visto che nei referendum il non votare "equivale" ad un voto negativo, è LEGALE pubblicare questi sondaggi???
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#6
Gennaio1985 Ha scritto:Mi stavo domandando... Visto che nei referendum il non votare "equivale" ad un voto negativo, è LEGALE pubblicare questi sondaggi???

Stavo facendomi la stessa domanda...
E poi stavo facendomene un'altra... non sarà mica lo stesso Luigi Crespi che aveva progettato la famosa campagna elettorale di Berlusconi del 2001, quella del contratto con gli italiani (idea sua)? Lo stesso degli exit poll delle regionali del 1995, quelli delle famose "bandierine" di fede sulle regioni assegnate tutte al cdx e poi clamorosamenti smentidi dai risultati?

Lo stesso arrestato per bancarotta fraudolenta nel 2005 e di cui i magistrati evidenziavano l'eccezionale capacità di "strumentalizzare gli organi di stampa facendo filtrare le notizie non corrispondenti al vero e tali da compromettere l'andamento delle indagini"?

Personcina affidabile ed imparziale, senza dubbio! direi che chiaramente si capisce il senso di quest'intervista, scoraggiare i votanti del SI per evitare che vadano a votare. :cool1::polizia:

Tanto figura di merda peggiore di quella del '95 non può fare... e se invece gli va bene il capo gliene sarà sicuramente grato.
"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell).

"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio." (Italo Calvino, Le Città Invisibili)
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)