Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Sisma emiliano del 2012 in parte causato da attività umane?
#1
Il sisma in Emilia causato dall'attività umana? Ancora nessuna risposta certa - Wired
[MENTION=2040]Denver22[/MENTION]
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#2
Dilemma: casualità o causalità?
Se n'era già scritto qui in un 3d di poco seguente l'evento del 29 maggio...
che avrei voluto rintracciare per recuperare alcuni link ma non mi riesce:
Messaggio vBulletin
Spiacenti - nessuna corrispondenza. Prova dei termini diversi.
“Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano, per quelli che non c’erano e anche per chi era contro...” - Arrigo 'Bulow' Boldrini
“Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza” - E.G.De la Serna
"Avere poche idee ma ben confuse talvolta aiuta" - S.Ricci
Cita messaggio
#3
http://www.unimeteo.net/forum-libero/495...milia.html

http://www.unimeteo.net/langolo-della-sc...zione.html
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#4
Se posso dare una mia nota a riguardo, visto che è il mio ambito: definire con esattezza l'impatto dell'attività di estrazione di fluidi del sottosuolo sull'attività geologica è attualmente impossibile. Una cosa però è certa: nessuna attività di quel genere, di per sé, può causare movimenti tettonici di questa portata: sono ordini di grandezza di energia di scarto quelli in gioco. Il ché significa che se c'è davvero stato un "innesco" da parte di attività antropiche è stata solo una fortuna, perché diversamente si sarebbe avuto un ulteriore accumulo di energia ed un successivo rilascio più violento in seguito.
Il mio sito (attualmente in stand by :notte: ) Trovate tante risorse per monitorare sole e ghiacci polari:

http://andreapederzoli.wix.com/sun-and-ice
Cita messaggio
#5
Eccomi qua, scusate per la mia latitanza, ma da quando nella nuova casa non ho l'adsl mi sembra di essere tornato nel medioevo.
Il tema mi sta a cuore, visto che ci sto lavorando....più tardi scriverò il mio punto di vista...
Cita messaggio
#6
In questo post non voglio assolutamente criticare il lavoro espresso da professori e colleghi nel report ICHESE, voglio semplicemente dare il mio punto di vista, dato che conosco bene la zona.


Da più di un anno sto contribuendo allo sviluppo del progetto GEOMOL, EU-Projekt GeoMol - Project , il cui scopo finale è quello di creare un modello 3D del sottosuolo per vari utilizzi.
L’area emiliana presa in esame è ovviamente quella interessata dalla crisi sismica del 2012, quindi bassa pianura modenese - ferrarese.


In primis voglio sottolineare che il lavoro della commissione ICHESE ha indagato tutti i siti prossimi all’area colpita dal terremoto in cui avvengono attività nel sottosuolo quali:
- estrazione idrocarburi;
- impianti geotermici profondi;
- stoccaggio gas.


Queste sono le due domande che furono poste alla commissione:
  • 1. è possibile che la crisi sismica emiliana sia stata innescata dalle ricerche sul sito di Rivara effettuate in tempi recenti, in particolare nel caso siano state effettuate delle indagini conoscitive invasive, quali perforazioni profonde, immissioni di fluidi, ecc.?
  • 2. è possibile che la crisi sismica emiliana sia stata innescata da attività di sfruttamento o di utilizzo di reservoir, in tempi recenti e nelle immediate vicinanze della sequenza sismica del 2012?


Alla domanda n1 viene risposto in maniera secca e sintetica in quanto per il sito Rivara NON è mai stata fatta alcuna operazione sul campo, solo ricerche su dati pregressi.


Per la domanda 2 la commissione ha incentrato la sua attenzione sul campo pozzi ad olio di Cavone - concessione Mirandola.
La commissione ha infatti escluso fin da subito che il campo geotermico di Casaglia (date le basse pressioni di iniezione, la distanza e il delta di temperatura tra estratta e inserita molto basso) non abbia potuto influire sui terremoti.
Unico imputato sul banco rimaneva quindi il campo Cavone.


PRECISAZIONE:
nell’area in esame, come in tutta la regione emilia romagna, non è mai stata utilizzata la tecnica del fracking per estrarre gas da argille o scisti, cioè il cosiddetto shake gas o “gas di scisto”.
La commissione infatti non nomina mai il termine fracking.
E’ stata presa in esame la tecnica di reiniezione dei fluidi estratti durante l’opera di emungimento.
Nella coltivazione di un campo petrolifero, assieme all’olio, vengono estratti grandi quantitativi di acqua estremamente mineralizzata e molto inquinante, in letteratura anglosassone “wastewater”. Per lo smaltimento si adotta la tecnica di reiniettarla direttamente nel reservoir di estrazione degli idrocarburi.


Questa pratica può scombinare le pressioni all’interno del giacimento e creare un meccanismo di innesco: il triggering. Ovvero?
In pratica verrebbe indotta una microsismicità nell’area della coltivazione la quale potrebbe innescare una scossa di grado maggiore: notare la differenza tra INDOTTO e INNESCATO.
La tecnica di reiniezione dunque non avrebbe INDOTTO il terremoto di magnitudo maggiore, ma potrebbe avere generato una microsimicità, la quale a sua volta avrebbe INNESCATO il terremoto maggiore.
Reiniziezione=grilletto ---> microsismicità=percussore ---> esplosione proiettile=sisma maggiore
Il parallelismo con le armi da fuoco lo utilizzo solo per semplificare il ragionamento.
In letteratura questo argomento è stato affrontato più volte, è uno degli articoli più citati è il seguente (Keranen et al., 2013 ) che si concentra sul terremoto dell’Oklahoma del 2011 probabilmente innescato dalla tecnica di reiniezione. Nel titolo viene utilizzata la parola “induced”, ma leggendo si nota come in realtà l’articolo tratti il ragionamento qui sopra, ovvero una microsismicità precedente di innesco.


Questo quindi quello che dice la commissione, non è possibile escludere che ci sia stato un fenomeno di innesco.


Ora il mio punto di vista.
Sinceramente non riesco a comprendere il nesso tra l’attività estrattiva di cavone e gli epicentri della prima sequenza del 20 maggio 2012. La distanza minima che intercorre è comunque >25km.
Negli articoli che si trovano in letteratura, come quello sopra postato, si nota come la sismicità si sviluppi in un’area molto prossima al giacimento e non molto distante come in questo caso.


Secondo la commissione la prima scossa (più lontana dal giacimento) sarebbe stata innescata dalla coltivazione, mentre la seconda cosa sarebbe stata innescata dalla prima scossa.
Non sarebbe più logico se, visto l’equilibrio sottile che c’è, che la seconda scossa fosse più correlabile con l’attività estrattiva vista la vicinanza molto maggiore rispetto alla prima scossa?


Inoltre è difficilissimo (impossibile) dire con precisione il livello di sforzo che una faglia sopporta prima di rompersi e liberare energia (terremoto). Nel senso: che livello deve raggiungere lo stress lungo, o nelle vicinanze, del piano di faglia per scatenare una scossa? Se conoscessimo questo parametro potremmo con tutta probabilità prevedere i terremoti.


Noi stiamo studiando il sottosuolo di quell’area ed è parecchio complicato. Ha una morfologia complessa, data dall’intensa attività tettonica subita in passato (e anche recentemente…Wink
I terremoti si sono verificati su strutture sismogenetiche ben conosciute.
L'alto strutturale di Cavone è molto complesso e fagliato in vari segmenti. Da notare che la prima sequenza del 20.05 è iniziata ad una distanza di >20km dal campo cavone, per poi migrare in senso Est seguendo una struttura precisa. Nella prima sequenza vi è però un terremoto di magnitudo 4.8-4.9 più meridionale rispetto agli altri, posizionato sulla struttura che darà poi la scossa del 29.05. Questa sequenza poi, al contrario della precedente, si sposterà verso Ovest, verso cavone appunto, e gli ipocentri saranno più profondi.
E tutto questo quadra alla perfezione analizzando la geologia di sottosuolo.

Io non nego la sismicità indotta/innescata, in certi casi è bene documentata. Una cosa è certa, da noi vi è una gravissima mancanza di dati, dovuta a stazioni sismiche insufficienti e/o dati privati. Implementando la rete di acquisizione sicuramente i lavori potranno essere più solidi e corposi.


Io rimango dell’idea che il fenomeno sia interamente di genesi naturale.


Scusate per il “pippone”, ma l’argomento mi sta molto a cuore e se ci fossero dubbi in quello che ho scritto di getto chiedete pure!


Ciao
Cita messaggio
#7
mesociclone Ha scritto:...
http://www.unimeteo.net/langolo-della-sc...zione.html

Alcuni link fra quelli proposti non sono più raggiungibili (da me, perlomeno) e ciò da ormai più di un anno; trattansi dei link che portavano a documenti ministeriali/governativi relativi alle concessioni ed alle loro caratteristiche (una casualità?).
Da qualche parte dovrei avere il cartaceo relativo.

Denver22 Ha scritto:...
Io non nego la sismicità indotta/innescata, in certi casi è bene documentata. Una cosa è certa, da noi vi è una gravissima mancanza di dati, dovuta a stazioni sismiche insufficienti e/o dati privati. Implementando la rete di acquisizione sicuramente i lavori potranno essere più solidi e corposi.
...

AGIP e consociate hanno letteralmente "battuto" la pianura sin dal dopoguerra. I dati li hanno; forse non li danno...
“Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano, per quelli che non c’erano e anche per chi era contro...” - Arrigo 'Bulow' Boldrini
“Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza” - E.G.De la Serna
"Avere poche idee ma ben confuse talvolta aiuta" - S.Ricci
Cita messaggio
#8
Si si, i dati Agip Eni ci sono, per il progetto sono stati messi a disposizione.
Mi riverivo alla rete di rilevamento sismico, stazioni sismometriche etc.... non è sufficiente. Noi ci perdiamo molti terremoti che avvengono in pianura padana.
Cita messaggio
#9
Questi comportamenti non possono che alimentare dei dubbi:

Errani e la relazione sul terremoto nascosta: "Scusateci" - Video Gazzetta di Modena
“Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano, per quelli che non c’erano e anche per chi era contro...” - Arrigo 'Bulow' Boldrini
“Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza” - E.G.De la Serna
"Avere poche idee ma ben confuse talvolta aiuta" - S.Ricci
Cita messaggio
#10
Mah... io non me ne intendo affatto, quindi la mia opinione vale quanto e forse meno di quella dell'uomo della strada, come si usa dire. Comunque secondo me non c'è praticamente nessun legame fra sismi ed estrazioni, se non a livello iperlocale oppure in misura trascurabile.
Insomma: non credo che un sisma esteso e forte (non fortissimo, comunque) come quello dell'Emilia possa essere stato né causato né favorito né amplificato da attività estrattive. Poi, ripeto, io mi occupo di tutt'altro...
Franco, siamo giusti: tu non saresti polemico, solo che presumi molto di te, e questo ti rende polemico!
-
Non è giustificato rubare da poveri in un Paese ricco, ma è addirittura CRIMINALE rubare da ricchi in un Paese povero.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)