• 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Scelta telescopio: consigli e suggerimenti
#1
Scelta telescopio: consigli e suggerimenti

[ATTACH=CONFIG]31588[/ATTACH]

Apro questo topic per tutti coloro che, ancora principianti, sono alla ricerca del primo telescopio. Ecco i miei consigli che nascono sulla base della mia piccola ma importante esperienza accumulata in questi anni.
_ _ _

Capita sempre più spesso, mentre ci troviamo sul computer o guardare occasionalmente dei documentari di astronomia, di rimanere colpiti dalle bellezze dell’Universo, di domandarci a volte se fosse possibile rivedere quelle immagini dal vivo, di poterle condividere con gli amici o con la famiglia e avere la soddisfazione di poter dire “l’ho visto anch’io!”
Magari ci colpisce in particolar modo un preciso corpo celeste, lo cerchiamo su riviste o su internet, troviamo alcune foto e a quel punto il desiderio di comprare un telescopio per poterlo vedere dal vivo si fa forte, a tal punto che sareste disposti a spendere cifre importanti per vederlo con i vostri occhi. Andate nel negozio di ottica più vicino, guardate (se sono presenti) telescopi in vetrina... ne comprate uno perché vi ha colpito il suo aspetto esteriore, lo portate a casa carichi di gioia ed emozione. Non vedete l’ora di mettere occhio sul vostro nuovo “gioiellino”... lo puntate subito nel cielo e... cosa è successo? Perché non vedo niente? E’ tutto nero! Ah ecco sono riuscito a puntare una stella nel cielo! Un momento... ma come mai è solo un puntino? Perché mettendo a fuoco non si vede una sfera luminosa? E i pianeti? Perché sono così piccoli? In foto sono molto più grandi! Controllo la Luna... bella ma perché la vedo al rovescio e perché ci sono degli aloni blu e rossi attorno al satellite? Porca miseria, mi sa che sono rimasto fregato!
A quel punto, prendete il telescopio e con amarezza lo mettete in soffitta, delusi dell’acquisto. Come mai tutto questo? Cosa non è andato storto? E’ sicuramente colpa del telescopio, non ci sono dubbi!

Questo ironico racconto è il riassunto di quello che la maggior parte dei principianti di fronte al primo telescopio, prova quando l'hanno comprato, carichi di aspettative ed entusiasmo, non curandosi delle caratteristiche dello stesso e non conoscendo minimamente la volta celeste.

Lo ammetto... purtroppo ci sono passato anch’io!

L’errore più frequente è quello di rimanere influenzati dalle foto dello spazio fatte da TELESCOPI SPAZIALI come l’Hubble. Queste foto a volte si ritrovano nella scatola del telescopio giocattolo, e noi erroneamente colleghiamo quelle immagini al telescopio. Non preoccupatevi... semplice strategia commerciale per indurre i clienti a comprare senza conoscere le basi dell’astronomia.

Esatto avete letto bene... basi dell’astronomia... senza quelle non si può comprare un telescopio. Al contrario di quello che vi fanno credere i venditori, il telescopio è L’ULTIMA cosa da comprare. E’ quella cosa in più che chiude un percorso di formazione della conoscenza astronomica di base, per aprirvi le porte verso la pratica. Proprio così... prima la teoria, poi la pratica. Se non conoscete la teoria, come pensate di affrontare la pratica?

Perciò, quando qualcuno di voi vuole comprare un telescopio che non si un giocattolo e che vi dia delle soddisfazioni, prima di tutto ABBASSATE LE ASPETTATIVE al minimo. Scattare una foto dello spazio non è come scattare una foto sulla Terra. Ci vogliono accessori differenti, e tanti minuti di esposizione per catturare la debole luce degli oggetti del cielo profondo. Per questo motivo le foto sono così spettacolari. Perché hanno una durata di esposizione ben maggiore rispetto a quelle terrestri. Se si scattasse una foto dello spazio con una normale compatta... anche utilizzando il più potente degli strumenti, vedremmo una immagine buia e confusa.
Il nostro occhio non è come un potente sensore fotografico in grado di raccogliere luce a piacimento. Di conseguenza quello che vediamo dello spazio dal vivo è molto diverso che vederlo in foto. Per cui ripeto, la prima cosa da fare è dimenticarvi delle foto sul web, con la consapevolezza che nessuna foto potrà mostrarvi dal vivo un oggetto come col telescopio.
Inoltre la visione diretta ci mostra lo spazio in bianco e nero (pianeti e stelle luminose a parte) lo sapevate che gli oggetti del cielo profondo come nebulose, galassie ecc appaiono senza colori per via dei limiti del nostro occhio rispetto a una potente camera CCD?

Detto questo... se mantenete i piedi per terra e saprete COSA, DOVE e QUANDO guardare, allora anche con strumenti modesti, le emozioni di osservare lo spazio dal vivo, non mancheranno, datemi retta!
Se siete sicuri e determinati nel voler comprare il vostro primo telescopio con serietà e attenta scelta, allora dovrete porvi PRIMA delle domande:

Prendo delle domande già fatte in un altro sito ma che sono essenziali per principiante!

1) Sono in grado di riconoscere ad occhio nudo i pianeti Venere, Marte, Giove e Saturno? Siete consapevoli che non tutti e non sempre sono visibili (per esempio, Marte può essere osservato circa ogni due anni)?

2) Possiedo un buon Atlante del Cielo utilizzabile durante le osservazioni? NOTA: le "carte del cielo" vendute nelle confezioni dei telescopi economici non sono sempre utilizzabili. Un atlante per iniziare può costare meno di 10 Euro.

3) So riconoscere la Stella Polare?

4) So riconoscere le principali costellazioni?
(A mio avviso la lista di quelle necessarie comprende: Orsa Maggiore, Orsa Minore, Cassiopea, Cigno, Lira Aquila, Scorpione, Toro, Orione, Cane Maggiore, Cane Minore, Pegaso).

4-b) Sono consapevole che in ogni periodo dell'anno sono visibili diverse costellazioni, e che se mi compro il telescopio ad Agosto non devo poi chiedere subito nel forum "quale è Sirio, che vorrei farla vedere alla mia ragazza quando andiamo a vedere le stelle cadenti la notte di S. Lorenzo"?

5) Conoscendo alcune delle costellazioni principali, sono in grado con una carta del cielo di trovare le altre meno conosciute o meno evidenti?

5-B) Ho mai provato a procedere a quanto riportato nel punto 5)?

6) Sono in grado di trovare semplici oggetti come M 31, M 13, M 42 ed M 45, aiutandomi con una cartina o un atlante, e un binocolo? Ma soprattutto, ho idea di cosa sono questi oggetti?

7) Caldamente consigliato! Controllate se nella vostra zona esistono associazioni di astrofili che potete frequentare. Una sera con persone che ne sanno più di voi vale più di dieci da soli e sui libri. In pratica, potreste ottenere i punti precedenti con pochissima fatica. Potrete inoltre provare i telescopi dei soci e farvi una idea di cosa vi aspetta.


[SIZE=5]Falsa credenza sui telescopi: gli ingrandimenti

Tutti credono che la potenza di un telescopio si basa sugli ingrandimenti e sulla lunghezza del tubo. NIENTE DI PIU’ SBAGLIATO. Gli ingrandimenti sono l’ultima cosa che bisogna considerare in un telescopio. La vera “potenza” di un telescopio risiede nell’apertura. Più è grande l’apertura del telescopio (composta da lenti se rifrattore; composta da specchi se riflettore) maggiore sarà la luce raccolta e conseguentemente il potere risolutivo. Di conseguenza, se c’è più luce, si possono vedere oggetti che vanno oltre il limite del nostro occhio. Gli ingrandimenti hanno il solo scopo di ingrandire l’oggetto e se ingrandito troppo, l’immagine potrebbe diventare troppo scura e sfocata.
Altra cosa la lunghezza del tubo... la lunghezza conta fino a un certo punto. Come ho detto prima è solo l’apertura che determina la potenza di un telescopio. La lunghezza è solo apparentemente importante. Ci sono telescopi che in relazione al diametro sono corti ma dall’ottima qualità e ci sono telescopi lunghi ma dalla qualità non eccellente. E per spiegare i motivi dovrei elencarvi le varie tipologie di telescopi, che nascono per soddisfare esigenze diverse.
Per il momento vi ho messo molta confusione in testa... come vedete le cose da imparare sono molte e quindi per poter sfruttare a pieno un telescopio, le basi sono essenziali.
Hanno fatto manuali su manuali sui telescopi, e fare un riassunto in un messaggio di un topic non è possibile. Quello che ho detto è solo qualcosina.

Se avete domande proverò a rispondere![/SIZE]
[Immagine: 102935.jpg]

Non sono tornato in F.1 né per soldi né per divertimento, ma per amore dello sport e per il piacere di lottare con altri piloti. Da questo punto di vista nessuno sport è come la F.1. Iceman
  Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)