Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Quegli 80 euro di Renzi
#1
Il 12 marzo scorso, “il Consiglio dei Ministri ha approvato la relazione del Presidente, Matteo Renzi, sui provvedimenti che si attueranno in materia di riforme costituzionali e sugli interventi di politica economica inclusa la riduzione del carico fiscale. In particolare, la relazione del Presidente del Consiglio, ha toccato le riforme economiche e per il lavoro, individuando misure che, nel rispetto del tetto del 3% del Pil fissato per l’indebitamento netto, possano garantire una strategia d’urto per la ripresa del Paese in termini di competitività e ripresa di domanda interna. Tra le misure previste, la relazione approvata ha individuato in 10 miliardi di euro le risorse per consentire l’aumento della detrazione Irpef in busta paga ai lavoratori dipendenti sotto i 25 mila euro di reddito lordi, circa 10 milioni di persone, dal 1° maggio prossimo, per un ammontare di circa 1000 euro netti annui a persona.”

Governo Italiano - Comunicati stampa del Consiglio dei Ministri

Vale a dire 80 euro al mese in busta paga. Soldi che arriveranno, come promesso dal presidente del Consiglio, il 27 maggio prossimo. Appena due giorni dopo le Elezioni del Parlamento Europeo del 25 maggio 2014.

Per combattere la recessione economica in cui versa da molto tempo ormai il nostro paese e la stretta prolungata sui consumi, Renzi punta, mettendo la cifra risibile di 80 euro in tasca agli italiani, a far ripartire il mercato interno.

Ma il vero intento di questa misura è di far dimenticare con l’elemosina di 80 euro al mese che la crisi economica è stata causata dalle politiche recessive iniziate da Mario Monti, che ha distrutto, come da lui stesso dichiarato, proprio la domanda interna, e proseguite da Enrico Letta. Politiche che il Partito Democratico, di cui è segretario Matteo Renzi, ha sostenuto pienamente. Ma soprattutto comprando gli italiani a condizione di continuare con le politiche di austerità. Infatti come dichiarato dallo stesso Renzi la copertura dei 10 miliardi previsti arriverà per un ammontare di 3 miliardi dal risparmio della spesa pubblica.

Il Commissario Straordinario per la Revisione della Spesa (spending review), Carlo Cottarelli, nominato da Enrico Letta e confermato da Renzi, ha risposto in merito proprio il 12 marzo, illustrando, ai senatori durante l’audizione della 5ª Commissione permanente (Programmazione economica, bilancio) del Senato della Repubblica, le misure proposte per la spending review. Cottarelli ha indicato, tra l’altro, una riduzione dei costi nella sanità, tagli sul trasporto ferroviario e soprattutto ha parlato per quanto riguarda il settore pensionistico di “un contributo temporaneo di solidarietà sui trattamenti più elevati a beneficio della fiscalizzazione degli oneri per i lavoratori neoassunti”

Proposta quest’ultima che Renzi ha dovuto smentire il giorno dopo dichiarando però che solo per il momento i soldi in tasca ai pensionati non li avrebbe messi. GRR - News - Renzi: se a maggio niente soldi in più <br> in busta paga, sono un buffone

Dunque continuerà la politica recessiva che sta portando anche alla perdita dei diritti del lavoro con il provvedimento del Jobs Act che si propone di prevedere l’introduzione di tipologie contrattuali con tutele crescenti.

Perchè Renzi ha fatto questa promessa degli ottanta euro? Perchè pensa che il popolo italiano accetti ancora le ingiustizie e soprattutto si faccia comprare. Che stia al gioco di un operazione di marketing finalizzata ad accaparrare voti in vista delle prossime europee. Per continuare quindi, con il consenso degli italiani, dopo aver elargito l’elemosina, con le politiche di austerità (spending review).

Dimostriamo che gli italiani puntano più sulla qualità che sulla quantità e l’apparenza.



Quegli 80 euro di Renzi « La Verità vi farà liberi
Cita messaggio
#2
Non so che cosa farmene di 80 euro in piu' in busta paga a fronte di un esponenziale aumento della micro e macro criminalita' dovuta al netto taglio delle forze dell'ordine.
Cita messaggio
#3
novaragiacomo Ha scritto:Il 12 marzo scorso, “il Consiglio dei Ministri ha approvato la relazione del Presidente, Matteo Renzi, sui provvedimenti che si attueranno in materia di riforme costituzionali e sugli interventi di politica economica inclusa la riduzione del carico fiscale. In particolare, la relazione del Presidente del Consiglio, ha toccato le riforme economiche e per il lavoro, individuando misure che, nel rispetto del tetto del 3% del Pil fissato per l’indebitamento netto, possano garantire una strategia d’urto per la ripresa del Paese in termini di competitività e ripresa di domanda interna. Tra le misure previste, la relazione approvata ha individuato in 10 miliardi di euro le risorse per consentire l’aumento della detrazione Irpef in busta paga ai lavoratori dipendenti sotto i 25 mila euro di reddito lordi, circa 10 milioni di persone, dal 1° maggio prossimo, per un ammontare di circa 1000 euro netti annui a persona.”

Governo Italiano - Comunicati stampa del Consiglio dei Ministri

Vale a dire 80 euro al mese in busta paga. Soldi che arriveranno, come promesso dal presidente del Consiglio, il 27 maggio prossimo. Appena due giorni dopo le Elezioni del Parlamento Europeo del 25 maggio 2014.

Per combattere la recessione economica in cui versa da molto tempo ormai il nostro paese e la stretta prolungata sui consumi, Renzi punta, mettendo la cifra risibile di 80 euro in tasca agli italiani, a far ripartire il mercato interno.

Ma il vero intento di questa misura è di far dimenticare con l’elemosina di 80 euro al mese che la crisi economica è stata causata dalle politiche recessive iniziate da Mario Monti, che ha distrutto, come da lui stesso dichiarato, proprio la domanda interna, e proseguite da Enrico Letta. Politiche che il Partito Democratico, di cui è segretario Matteo Renzi, ha sostenuto pienamente. Ma soprattutto comprando gli italiani a condizione di continuare con le politiche di austerità. Infatti come dichiarato dallo stesso Renzi la copertura dei 10 miliardi previsti arriverà per un ammontare di 3 miliardi dal risparmio della spesa pubblica.

Il Commissario Straordinario per la Revisione della Spesa (spending review), Carlo Cottarelli, nominato da Enrico Letta e confermato da Renzi, ha risposto in merito proprio il 12 marzo, illustrando, ai senatori durante l’audizione della 5ª Commissione permanente (Programmazione economica, bilancio) del Senato della Repubblica, le misure proposte per la spending review. Cottarelli ha indicato, tra l’altro, una riduzione dei costi nella sanità, tagli sul trasporto ferroviario e soprattutto ha parlato per quanto riguarda il settore pensionistico di “un contributo temporaneo di solidarietà sui trattamenti più elevati a beneficio della fiscalizzazione degli oneri per i lavoratori neoassunti”

Proposta quest’ultima che Renzi ha dovuto smentire il giorno dopo dichiarando però che solo per il momento i soldi in tasca ai pensionati non li avrebbe messi. GRR - News - Renzi: se a maggio niente soldi in più <br> in busta paga, sono un buffone

Dunque continuerà la politica recessiva che sta portando anche alla perdita dei diritti del lavoro con il provvedimento del Jobs Act che si propone di prevedere l’introduzione di tipologie contrattuali con tutele crescenti.

Perchè Renzi ha fatto questa promessa degli ottanta euro? Perchè pensa che il popolo italiano accetti ancora le ingiustizie e soprattutto si faccia comprare. Che stia al gioco di un operazione di marketing finalizzata ad accaparrare voti in vista delle prossime europee. Per continuare quindi, con il consenso degli italiani, dopo aver elargito l’elemosina, con le politiche di austerità (spending review).

Dimostriamo che gli italiani puntano più sulla qualità che sulla quantità e l’apparenza.



Quegli 80 euro di Renzi « La Verità vi farà liberi

ce li dara' solo se lo votiamo alle europee ,,, classico voto di scambio esattamente uguale allo stile mafioso ,,, anche perche' si e' saputo che i soldi per dare gli 80 euro li hanno gia' ,,, ma ovviamente e casualmente li dara' il 27 cioe' 2 giorni dopo le votazioni europee ,,, un genio,,,,:fanculo: mi raccomando votatelo altrimenti non ve li dara''' :okok:
[SIGPIC][/SIGPIC]
Contro un fatto non c'è argomento che tenga.
Cita messaggio
#4
[Immagine: 998872_10203504852289794_1756569374_n.jpg]
Inverno 2014/2015 stupiscimi Big Grin
[Immagine: sticker-forum]
Cita messaggio
#5
tanto, qualsiasi cosa venga fatta non va mai bene

quando dai qualcosa in più a qualcuno devi togliere a qualcun'altro.
è universale
Cita messaggio
#6
Ma avete visto il video delle iene???
Dove per colpa delle macchinette che non sono del aams(vanno a banconote,invece quelle dell'aams a monete),quindi non controllate da loro,il concessionario si prende 20 miliardi in più di euro,di quello che lo stato sa.. quindi lui prende in tutto 40 miliardi,lo stesso sa che ne prende 22... Un proprietario ha detto che con quelle del aams si fa 180 euro al giorno,con quegli altre 2500 euro al giorno..
E anche le macchinette controllate da aams dicono che sono controllate,ma non sanno nemmeno quante macchinette hanno i proprietari e nemmeno quanto guadagnano ! Andate a vederlo il video..
Come dice la ragazza delle iene,invece di prendere i soldi da noi con tasse imu e altro.. prendetegli quei 20 miliardi a quello...
Infine ma se noi renzi non lo votiamo alle europee.. comunque lui può sempre darci gli 80 euro al mese,perchè è sempre il presidente del consiglio.. quindi perchè lo dobbiamo votare alle europee?
AMO LE DONNE E LA SEDUZIONE
http://meteoprevisioni24.blogspot.it/
Cita messaggio
#7
Everal Ha scritto:tanto, qualsiasi cosa venga fatta non va mai bene

quando dai qualcosa in più a qualcuno devi togliere a qualcun'altro.
è universale

Ammesso e concesso che.le dia: ) ma adesso ha rogne più grosse a cui pensare. .........

Inviato dal mio LG-P760 utilizzando Tapatalk
[SIGPIC][/SIGPIC]
Contro un fatto non c'è argomento che tenga.
Cita messaggio
#8
Staremo a vedere. ..
Io sto con Renzi.

Chi non vuole gli 80 € mi contatti in pvt che gli do il mio iban.

Andateci voi a sistemare il disaatro di 20 anni di berlusconi se siete così bravi.

Renzi non farà certo miracoli ma credo sia la persona giusta x uscire da questa fogna
Cita messaggio
#9
**la dama** Ha scritto:Staremo a vedere. ..
Io sto con Renzi.

Chi non vuole gli 80 € mi contatti in pvt che gli do il mio iban.

Andateci voi a sistemare il disaatro di 20 anni di berlusconi se siete così bravi.

Renzi non farà certo miracoli ma credo sia la persona giusta x uscire da questa fogna

Lo spero, lo spero tanto. Io onestamente non sono "renziano" ma visti i tempi contano i fatti e non le parole ed il fatto che qualcosa si muova mi sembra un buon segno.
Luca C.
Cita messaggio
#10
gladio70 Ha scritto:Ammesso e concesso che.le dia: ) ma adesso ha rogne più grosse a cui pensare. .........

Inviato dal mio LG-P760 utilizzando Tapatalk

l'unica cosa che può dar fastidio a Renzi è il suo stesso partito
più Renzi fa bene più letta/bersani/d'alema cercheranno di dar fastidio
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)