Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Preso a cinghiate, arrestata una banda di minorenni ecuadoriani
#1
Un rito di iniziazione per entrare nella banda. Un pestaggio per dimostrare di avere numeri e fegato. Ecco cosa si nasconde dietro la brutale aggressione a colpi di spranga e con le fibbie delle cinture ai giardini di viale Caviglia a Brignole di Massimo Amato, un barista di 40 anni residente in via San Bartolomeo del Fossato a Sampierdarena.

Quattro sudamericani tra i 16 e 17 anni lo hanno massacrato di botte solo perché ha tentato di difendere due clochard rumeni, una ragazzina di 16 anni e l'amico di 34. Amato è ricoverato in Neurologia al Galliera. Gli aggressori (vivono a Oregina, Rivarolo e Cornigliano, uno è studente in un istituto tecnico) sono stati arrestati per tentato omicidio dagli agenti delle Volanti della questura. Chi ha rischiato di ucciderlo è un colombiano che ha la cittadinanza italiana. Fa parte di una gang latino-americana. I capi hanno deciso che doveva pestare una persona e per puro caso ci è andato di mezzo il barista.

Come spiegano gli investigatori, le vittime sono scelte a caso. Non è questione di uno sguardo, se è il tuo giorno sbagliato e incroci la banda, rischi di finire all'ospedale. Come è accaduto cinque ore dopo in via Moresco a Marassi, dove due giovani sono stati picchiati da tre peruviani che hanno attaccato briga senza motivo. Il terzo episodio in due giorni. Sabato sera sul bus 20 in piazza De Ferrari, quattro ecuadoriani erano stati denunciati dalla polizia per aver preso a cinghiate un ragazzo di 21 anni che tornava a casa.

continua..
Preso a cinghiate nei giardini Arrestata una banda di minorenni - Genova - Repubblica.it
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)