Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
NAM o non NAM?
#1
Durante il semestre invernale, è facile imbattersi in fenomeni di natura stratosferica come riscaldamenti (warming) e raffreddamenti (cooling), i quali si sviluppano solitamente nei piani superiori della statosfera e si trasferiscono a quelli inferiori per trasferimento termico.
In particolare, quest’anno ci troviamo di fonte ad un fenomeno di straatcooling molto intenso, nel quale la stratosfera ha subito un raffreddamento molto considerevole.
Il cooling si trasferisce in linea teorica alle quote più basse influenzando positivamente l’indice AO
NAM+ - AO+ (baldwin e dunkerton 1999).

[Immagine: gfsnamweb.png]

Uploaded with ImageShack.us
La relazione diretta tra il superamento del north annular mode e il positivizzarsi dell’AO viene constatata dalla “teoria di baldwin e dunkerton”, la quale in parole molto povere esprime come ad un ESEs (cooling in questo caso), la cui propagazione avvenga anche alle quote inferiori (coupoling strato-tropo) si vada in contro ad 60gg di condizionamento troposferico.
In questo caso AO+ che corrsiponde a VP compatto.
In particolare gli anni con ENSO- favoriscono la comunicazione tra strato e tropo in anni di QBO- e minimo solare.
Allo stato attuale nel giro di nemmeno un mese vi si è trovati di fronte ad un superamento del North annular Mode innaspettato, considerando l’assoluta tranquillità stratosferica nei mesi di settembre e ottobre, dove in gran parte i giochi si sono svolti in troposfera, senza infleunzare la stratosfera (TST event).
Prime avvisaglie del possibile incidere di uno straatcooling si sono avute verso metà ottobre, quando a quote prossime a 50 hpa si sono evidenziato preoccupanti segni di raffreddamento e chiusura del vortice polare, con maggior concentrazione di isoipse intorno al polo magnetico.
Un fattore in grado di condizionare l’intensità del vortice polare stratosferico è l’indice NAO , che solitamente ha la capacità di infleunzare il vortice polare nella quota della tropopausa (circa 11-13 km) e di far presentare anomalie nella vorticità potenziale o di propagazione delle roosby waves.
NAO positiva comporta un aumento delle probabilità di un wave break del VPS rafforzzandolo ulteriormente, con conseguente ricompattamento del VP troposferico (AO+), il quale facilmente ripercuote i suoi effetti facendo variare la disposizione delle SSTA.
Quindi è facile che le SSTA vengano fortemente infleunzate a seguito di un periodo di AO+ conseguente ad un episodio di continuato superamento della NAM.
In episodi di SC il superamento della NAM è stato fissato a circa +1,5 \ +2 per un periodo complessivo di almeno 10-15 gg, durante i quali l’anomalia si espande anche alle quote inferiori e comincia a manifestare i suoi effetti anche alle quote isobariche comprese tra 300 e i 1000hpa nel caso di cooling che si propagano fino al suolo.
In particolare si sono evidenziati 30 casi circa di VPS particolarmente forte, le conseguenze sono state comunque simili con NAM superato a 10hpa e conseguente AO+ per almeno 40-60gg.
Insomma, riassumendo, con un superamento dell’indice NAM in positivo in quetso caso (NAM+)si va incontro in media a ripercussioni in troposfera, l’unica incognita evidenziabile può essere la presenza di un precedente condizionamento del VPS.
In particolare la presenza di Strong o Weak vortex compreso in un lag temporale di 60gg prima dell’ESEs.
Nel caso attuale, non si sono evidenziate anomalie rilevanti nel VPS nei 60gg precedenti all’EseS, dubbiosa resta quindi la dinamica del cooling attuale.
Questa strana dinamica rende particolarmente difficile capire l’effettiva applicazione della B&D in quetso caso.
É quindi probabile che a livello didattico questo caso di Straatcooling rappresenti un ottima occasione di comprendere l’effettiva validità della B&D.
Scalare è un’avventura dello spirito
Maurizio Zanolla (Manolo)
Cita messaggio
#2
per come la vedo io si va di AO++ fino a fine prima decade di gennaio,se ricordo bene dalle reanalisi di anni con SC precoce (ricordo che comunque il precedente sfondamento del NAM più precoce era datato 7 dicembre mentre quest'anno abbiamo messo il nuovo record con il 24 novembre) il periodo peggiore dovrebbe essere tra il 20 dicembre e la prima decade di gennaio,con HP granitico..

difficile aspettarsi in questo momento una troposfera indipendente,anzi..l'unica alternativa sarebbe un altrettanto anomalo ribaltamento del NAM prima dei tempi fisiologici..
"contro un esercito di tutti uguali,nessuno mai ci fermerà,il rock n roll non morirà!"
Cita messaggio
#3
Nonno_rodano Ha scritto:per come la vedo io si va di AO++ fino a fine prima decade di gennaio,se ricordo bene dalle reanalisi di anni con SC precoce (ricordo che comunque il precedente sfondamento del NAM più precoce era datato 7 dicembre mentre quest'anno abbiamo messo il nuovo record con il 24 novembre) il periodo peggiore dovrebbe essere tra il 20 dicembre e la prima decade di gennaio,con HP granitico..

difficile aspettarsi in questo momento una troposfera indipendente,anzi..l'unica alternativa sarebbe un altrettanto anomalo ribaltamento del NAM prima dei tempi fisiologici..

io sono in accordo con la tua linea nonno, a mio modestissimo parere al 90% la teoria di B&D trova applicazione in questo caso.
p.s il 10% lo tengo in sospeso per i motivi sopraindicati.:ridi:
Scalare è un’avventura dello spirito
Maurizio Zanolla (Manolo)
Cita messaggio
#4
Freezafirst Ha scritto:Durante il semestre invernale, è facile imbattersi in fenomeni di natura stratosferica come riscaldamenti (warming) e raffreddamenti (cooling), i quali si sviluppano solitamente nei piani superiori della statosfera e si trasferiscono a quelli inferiori per trasferimento termico.
In particolare, quest’anno ci troviamo di fonte ad un fenomeno di straatcooling molto intenso, nel quale la stratosfera ha subito un raffreddamento molto considerevole.
Il cooling si trasferisce in linea teorica alle quote più basse influenzando positivamente l’indice AO
NAM+ - AO+ (baldwin e dunkerton 1999).

[Immagine: gfsnamweb.png]

Uploaded with ImageShack.us
La relazione diretta tra il superamento del north annular mode e il positivizzarsi dell’AO viene constatata dalla “teoria di baldwin e dunkerton”, la quale in parole molto povere esprime come ad un ESEs (cooling in questo caso), la cui propagazione avvenga anche alle quote inferiori (coupoling strato-tropo) si vada in contro ad 60gg di condizionamento troposferico.
In questo caso AO+ che corrsiponde a VP compatto.
In particolare gli anni con ENSO- favoriscono la comunicazione tra strato e tropo in anni di QBO- e minimo solare, mentre negli anni con QBO west e massimo solare la indeboliscono.
.
La comunicazione stratosfera verso troposfera é favorita con QBO-(east)/minimo solare e QBO+(west)/massimo solare. Quindi non capisco perchè dici che con QBO+/massimo solare é indebolita. Anzi, é rafforzata!
Cita messaggio
#5
Precisazione dai dati statistici é emerso che le eccezioni alla regola NAM maggiore 1.5, sono avvenute con QBO occidentale o in cambio di segno. Quindi c'é qualche speranza che non duri 60 giorni.
Messaggio del 2009 su meteotriveneto
Forum MeteoTriveneto - Leggi argomento - Analisi superamento soglia NAM +1,5 a 10hPa dal 1958 al 2006
Cita messaggio
#6
In merito al titolo del thread ti informo del thread ti informo gentilmente che IO detengo il copyright!
http://www.unimeteo.net/meteorologia-e-c...n-nam.html
Cita messaggio
#7
mattiab Ha scritto:In merito al titolo del thread ti informo del thread ti informo gentilmente che IO detengo il copyright!
http://www.unimeteo.net/meteorologia-e-c...n-nam.html

:facepalm:
Stazione meteo Tortoreto Lido (TE)


[Immagine: OutsideTempHistory.gif]
[Immagine: meteogram.png]
Cita messaggio
#8
stamattina GFS 00 mostra strani movimenti a livello emisferico vista la situazione in alto,son curioso di vedere le stratosferiche nel lungo..ECMWF invece da manuale per spiegare gli effetti di uno SC..:we:
"contro un esercito di tutti uguali,nessuno mai ci fermerà,il rock n roll non morirà!"
Cita messaggio
#9
mattiab Ha scritto:Precisazione dai dati statistici é emerso che le eccezioni alla regola NAM maggiore 1.5, sono avvenute con QBO occidentale o in cambio di segno. Quindi c'é qualche speranza che non duri 60 giorni.
Messaggio del 2009 su meteotriveneto
Forum MeteoTriveneto - Leggi argomento - Analisi superamento soglia NAM +1,5 a 10hPa dal 1958 al 2006

Leggevo anche da altra parti questo importante fattore, il cui condizionamento può essere ben inferiore ai 30 giorni, come nel 2004/2005
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#10
Bel riassunto freez e che lascia aperti alcuni spunti di riflessione (e anche una certa dose di speranza..:lolASmile considerando anche il riferimento di mattiab su Meteotriveneto...

mattiab Ha scritto:La comunicazione stratosfera verso troposfera é favorita con QBO-(east)/minimo solare e QBO+(west)/massimo solare. Quindi non capisco perchè dici che con QBO+/massimo solare é indebolita. Anzi, é rafforzata!

Però devo dar ragione a mattiab, in effetti nell'intervento c'è un refuso.... infatti:

i)La propagazione delle onde dalla troposfera alla stratosfera (gli stratwarming hanno avvio quasi sempre dalla propagazione delle onde planetarie dalla tropo alla stratosfera) avviene maggiormente in anni di QBO- e di ENSO+ (in teoria con un riscaldamento delle acque del pacifico meridionale si ha anche l'aumento del gradiente termico che favorisce l'aumento dell'EP-flux) associato secondo recenti ricerche anche al solar maximum.
ii)La propagazione inversa invece dalla stratosfera alla troposfera avviene maggiormente invece in anni di QBO- e solar minimum (SL) o in anni di QBO+e solar maximum (SH).
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)