Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Modelli: non ci siamo!
#1
A 6 giorni persiste il trend di formazione delle depressioni eccessivamente ad ovest.
Guardate qua...
[Immagine: Recm1681.gif]
[Immagine: Rtavn1621.png]
Ancora per quanto tempo si dovrà sopportare questo pattern?
La domanda é lecita perchè così come sono le carte per sabato promette di perdurare. Infatti una depressione di 985 hPa in atlantico non si dissolverà tanto facilmente. Ed allora ecco che tutta la prima decade di dicembre sarà "persa" ancora con questa situazione.
Cita messaggio
#2
ammesso che vada così bisognerebbe aspettare il blocco a tenaglia dopo il 10
Cita messaggio
#3
cosa intendi per blocco a tenaglia?
Cita messaggio
#4
mattiab Ha scritto:cosa intendi per blocco a tenaglia?

Blocco Aleutinico-Atlantico in contemporanea.
E conseguente Split o Bilobazione
Cita messaggio
#5
supponevo intendessi quello ma sappiamo bene che la stratosfera é da considerare già poco di suo, figuriamoci poi quest'anno. Invece vedo in altro thread che parli di azione congiunta stratosfera e troposfera. Ed é proprio quell'azione congiunta stratosfera troposfera che mi fa temere nella non realizzazione della tua previsione visto che si tende sempre e sovrastimare l'influsso della stratosfera.
Cita messaggio
#6
L'influsso sarà principalmente Troposferico (specie in Atlantico) + riscaldamento sulle Aleutine (probabile Minor Warming) in Stratosfera e in Troposfera contemporaneamente...ma è prestino, spero i GM virino per il medio nel frattempo
Cita messaggio
#7
ma l'influsso troposferico in atlantico lo deduci dai modelli o c'é qualche altro fattore che te lo fa credere possibile?
Cita messaggio
#8
mattiab Ha scritto:ma l'influsso troposferico in atlantico lo deduci dai modelli o c'é qualche altro fattore che te lo fa credere possibile?

L'HP di blocco in Atlantico (NAO-) sarà probabilmente un fattore tipico di tutta la stagione Invernale, come ho già scritto nell'ultimo articolo.
Ad oggi non vedo elementi dai GM o dalle TLC tali per cui il Blocco non dovrebbe esserci...
Cita messaggio
#9
Ti sei convinto ? Wink
Cita messaggio
#10
per me l'idea e' questa..

Proprio sul finire della prima decade del mese si assisterebbe ad un nuova tendenza a split del vortice polare troposferico con tendenza a discesa fredda continentale verso sud. Infatti data l'attivita' del canadese in lieve riprese nel periodo antecedente allo split vi sara' uno slancio altopressorio con radice sub tropicale sull'Europa centro occidentale meridianamente. Tra l'8 e il 12 dovremmo assistere ad una discesa di aria fredda continentale verso l'Europa orientale che andrebbe a colpire le regioni adriatiche e balcani principalmente. Questo affondo freddo potrebbe determinare le prime nevicate a bassissime quote su aree ormai dimenticate dall'inverno. Tutto stara' a verificare quanto freddo in quota riuscira' ad entrare scalfendo l'alta pressione ma non dovrebbero esservi grandi problemi, e comunque sarebbe una passata abbastanza veloce.


[Immagine: 78653008.png]


Nel periodo immediatamente successivo, assisteremo al reiterarsi del blocking atlantico con un netto taglio al vortice polare e hp meridiano sull'Europa occidentale. Quindi tra il 13 e il 20 si assisterebbe a discese di masse d'aria gelide artico-continentali verso la nostra penisola che probabilmente verra' coinvolta dalla porta del rodano con neve al nord e parte del tirreno. Dopo questa fase la tendenza a ripresa zonale determinera' l'evolvere verso nord est del blocking atlantico con formazione di un potente weikoeff che orientalizzerebbe nuovamente l'aria fredda verso le regioni adriatiche e meridione con possibili nuove nevicate.


[Immagine: 17551861.png]

Infine nel periodo natalizio dovremmo avere una ripresa zonale con anticiclone invadente a volte bucato sul medio basso adriatico da aria fredda orientale.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)