Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Minzolini rimosso martedì dal Tg1. Alberto Maccari candidato alla direzione.
#1
avanti con la deberlusconizzazione
Cita messaggio
#2
Era ora!!!!
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#3
Via un berlusconiano ormai impresentabile, dentro un altro... Nulla cambia, esattamente come è successo col governo che con la nuova facciata "tecnica" ha potuto fare quello che Silvio non avrebbe mai potuto...
In attesa della nuova valanga berlusco-leghista nelle elezioni del 2013... Ci hanno fregato alla grande... chapeau...
Anche se in effetti con questa "opposizione" non hanno avuto grandi difficoltà...
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#4
Cambia il direttore, non cambia la 'direzione'...
Chi è Maccari, in corsa per la poltrona del Tg1. - ATTUALITA
“Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano, per quelli che non c’erano e anche per chi era contro...” - Arrigo 'Bulow' Boldrini
“Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza” - E.G.De la Serna
"Avere poche idee ma ben confuse talvolta aiuta" - S.Ricci
Cita messaggio
#5
Mario Calabresi sarebbe perfetto,ma sarà impossibile ,troppi interessi.
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#6
Rai, il Cda caccia Minzolini dalla poltrona del Tg1. Al suo posto Maccari fino al 31 gennaio | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano

La rimozione del giornalista è la prima conseguenza per il suo rinvio a giudizio con l'accusa di peculato per le spese folli fatte con la carta di credito aziendale. La votazione si è conclusa in parità, determinante il pollice verso del direttore Garimberti

Non è bastata l’emorragia d’ascolti che ha fatto perdere credibilità, prestigio e soldi al giornale della rete ammiraglia Rai. Non sono bastati gli editoriali a senso unico, né la cacciata dal video di quei conduttori ritenuti troppo orientati a sinistra. E neppure i servizi sulle gelaterie e cappottini per animali mandati in onda prima (e spesso al posto) delle notizie importanti.

Per cacciare Augusto Minzolini dalla poltrona del Tg1 c’è voluto il tribunale di Roma. Sì, perché la prima conseguenza del rinvio a giudizio con l’accusa di peculato per le spese folli fatte con la carta di credito aziendale è stata la rimozione dal suo incarico decisa oggi dal Cda di Viale Mazzini.

A far pendere l’ago della bilancia contro il Direttorissimo (come lo chiamava Silvio Berlusconi, suo principale sponsor politico) è stato il voto del presidente di Viale Mazzini Paolo Garimberti che, in caso di parità, vale doppio. La votazione si è infatti conclusa con il punteggio di quattro a quattro, con i consiglieri di minoranza Nino Rizzo Nervo, Giorgio Van Straten e Alessio Gorla (più Garimberti) che hanno votato per la rimozione mentre gli altri membri del consiglio d’amministrazione (Antonio Verro, Giovanna Bianchi Clerici, Angelo Maria Petroni e Guglielmo Rositani) hanno continuavano a difendere la sua poltrona. Oltre che per il ruolo di Garimberti, per l’esito della consultazione è stata fondamentale l’uscita dalla sala di Rodolfo De Laurentiis al momento del voto.

Ora l’interim del più importante telegiornale italiano sarà detenuto, fino al 31 gennaio, da Alberto Maccari. La delibera sul nuovo direttore è stata votata separatamente rispetto a quella che dispone il trasferimento di Minzolini ad altro incarico e ha visto una maggioranza diversa e leggermente più ampia. Via libera da Garimberti, Bianchi Clerici, Rositani, Gorla e Verro. Van Straten si è astenuto, mentre hanno votato contro Rizzo Nervo, De Laurentiis e Petroni.

Ora che Minzolini è stato trasferito, il “fu Direttorissimo” rimane a disposizione del direttore generale Lorenza Lei in attesa di conoscere la sua destinazione finale. La direzione generale, che ha agito in base alla legge 97 del 2001, ha ora 40 giorni di tempo per concordare il trasferimento ad incarico equivalente per il giornalista.

Minzo, in attesa di sapere quale sarà la sua nuova collocazione in Rai, dovrà vedersela ora con i giudici della sesta sezione penale del tribunale della Capitale a partire dal prossimo 8 marzo. Su di lui pesa l’accusa di aver sforato, in soli 14 mesi, il budget a sua disposizione per circa 65mila euro. La somma è stata già restituita dal direttore all’azienda, ciò nonostante la Rai si costituirà parte civile nel processo.
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)