Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Le mappe 3d della barriera corallina.
#1
La grande barriera corallina

[ATTACH=CONFIG]36089[/ATTACH]

La tecnologia satellitare corre in aiuto ai coralli del reef più imponente del mondo: realizzata una mappatura tridimensionale ad alta risoluzione dell'ecosistema australiano.

[ATTACH=CONFIG]36090[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36091[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36092[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36093[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36094[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36095[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36096[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36097[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36098[/ATTACH]


[ATTACH=CONFIG]36099[/ATTACH]

Con i suoi 344 mila chilometri quadri di superficie è il più grande reef del mondo, e uno dei pochi ecosistemi visibili anche dallo Spazio: eppure la Grande Barriera Corallina australiana rimane, per la sua remota posizione e per la complessità delle sue struttura, ancora piuttosto sconosciuta.

Ma è destinata a non rimanerlo ancora per molto: utilizzando una serie di immagini satellitari e dati sulla topografia degli oceani, un gruppo di scienziati tedeschi ha realizzato, in collaborazione con l'ESA, le prime mappe tridimensionali di questo importantissimo habitat terrestre.


Un alleato dei coralli
La mappa sarà uno strumento utile per valutare lo stato complessivo di salute della Grande Barriera Corallina: servirà a chiarire quale sia, nelle varie aree del reef, la qualità dell'acqua, quali punti abbiano risentito maggiormente dell'impatto umano e quali saranno più sensibili ai cambiamenti climatici e alle loro conseguenze, come l'innalzamento del livello del mare o l'aumento di fenomeni potenzialmente distruttivi per i coralli, come i tifoni.

Questo genere di visualizzazione potrebbe consentire, in futuro, una migliore comprensione dei movimenti delle correnti, e aiutare gli scienziati a prevedere, per esempio, quali saranno le aree più colpite da predatori del corallo come le stelle corone di spine (Acanthaster planci), stelle marine che, con i loro enzimi digestivi, sono capaci di distruggere anche 6 metri quadrati di corallo a testa ogni anno.
http://www.focus.it/ambiente/natura/le-m...a_C12.aspx
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)