Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
La Russia incorona di nuovo Putin
#1
La Russia incorona di nuovo Putin - Corriere.it

Vittoria (scontata) dell'ex uomo del Kgb,
ma l'ondata di proteste è destinata a non interrompersi


Vladimir Putin vince le presidenziali in Russia al primo turno, senza bisogno di ballottaggio. Con il 35,3% dei seggi scrutinati nel voto presidenziale, l'ex agente del Kgb è al 63,5%. Lo riferisce la commissione elettorale in diretta tv. Putin cala comunque rispetto al 2004, quando aveva conquistato il 71,3% dei voti. È stata «una battaglia aperta ed onesta» ha detto il premier uscente al fianco dell'attuale inquilino del Cremlino, Dmitry Medvedev. Al Maneggio a Mosca, davanti alle migliaia di fan che lo attendevano per festeggiare la sua vittoria alle presidenziali, Vladimir Putin era in lacrime. «Vi avevo promesso che avremmo vinto - ha detto - abbiamo Vinto. Gloria alla Russia».

IL VOTO - La Russia è andata alle urne in città presidiate da migliaia di agenti. Tutti sapevano chi sarebbe stato l’eletto: Vladimir Vladimirovich Putin, che già aveva occupato la poltrona più importante del Paese dal 2000 al 2008 e che poi l’aveva passata al suo collaboratore Dmitrij Medvedev dato che in base alla legge russa non poteva occuparla per tre mandati consecutivi. Ma il «ritorno» di VV o la «staffetta», come viene chiamata qui (perché Medvedev dovrebbe andare ora ad occupare il posto di primo ministro che Putin lascia libero) non piace a molti. E gli scontenti, gli indignati sono pronti a scendere in piazza per protestare.

INDIGNATI - E tutto questo nonostante Putin abbia deciso di fare di queste elezioni le più trasparenti della storia russa. Due webcam in quasi tutti i 96 mila seggi del paese, con una spesa pazzesca: quasi 400 milioni di euro. E mezzo milione di osservatori di tutti i partiti e di varie organizzazioni non governative. In vista di possibili disordini, la polizia ha presidiato tutti i luoghi dove avrebbero potuto assembrarsi gli indignati.

RADUNI - Naturalmente nelle grandi città, perché altrove, nella Russia profonda, Putin non ha corso alcun rischio. Lì è amato e stimato come il leader che ha riportato la tranquillità e il benessere. Così a Mosca decine di camion hanno bloccato l’accesso alla piazza del Maneggio, a quella della Rivoluzione, alla Pushkinskaya e alla Triumfalnaya. E gli agenti si sono piazzati davanti alle uscite della metropolitana pronti a intercettare eventuali partecipanti a manifestazioni non autorizzate. Solo lunedì sera è previsto un raduno ufficiale degli oppositori sulla Pushkinskaya. Già domenica sera invece i putiniani festeggiano: 100 mila i sostenitori al Maneggio, sotto le mura del Cremlino, secondo l'agenzia Itar-Tass. Previsto anche un concerto e girano voci di un possibile arrivo dello stesso Putin.

Fabrizio Dragosei4 marzo 2012 | 20:52 RIPRODUZIONE RISERVATA
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#2
putin non mi è mai piaciuto:wars;
l'8 ottobre 2011 alle ore 12 e 15 ho sposato una persona fantastica e meravigliosa, il mio sogno si è realizzato:wink::wink:
Cita messaggio
#3
Ecco i brogli Russia - Video - Corriere TV
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#4
mesociclone Ha scritto:Ecco i brogli Russia - Video - Corriere TV

Incredibile!! ma quante ne inserisce poi??!!!! Ovvio che si tratta di una farsa. Stamattina sui giornali ho letto che le ONG, che hanno condotto indagini nei seggi, stimavano Putin sul 48-50%, Zyuganov(Partito Comunista) al 25-27% mentre Pokhorov(destra liberale) al 14-16%. Un risultato completamente diverso insomma.
Cita messaggio
#5
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/...to/195593/

Russia, dopo la vittoria di Putin non si placa la polemica. Osce: “Il voto è stato deviato”


Fine dei giochi. Il titolo della Novaja Gazeta riassume così i timori dell’opposizione russa per la vittoria di Vladimir Putin nelle elezioni presidenziali di ieri. Secondo il giornale per cui lavorava Anna Politkovskaja, uccisa nel 2006, il plebiscito (oltre il 63 per cento delle preferenze) che ha consentito all’attuale primo ministro di andare per la terza volta al Cremlino non ha dato maggiore legittimità al suo governo, che dovrà ora confrontarsi con la minoranza che lo contesta. L’opposizione ha scelto la piazza per denunciare brogli e irregolarità. In migliaia sono attesi oggi a Mosca, in piazza Puskin, primo test per la capacità degli attivisti della primavera russa di continuare a mobilitare la popolazione contro l’uomo forte del Paese, dopo una serie di manifestazioni senza precedenti iniziate a dicembre.

Ieri davanti a 100 mila suoi sostenitori, l’ex spia del Kgb, aveva parlato di una “vittoria chiara” in una “battaglia onesta e aperta”, ringraziando chi “sa distinguere il cambiamento dalle provocazioni politiche per usurpare il potere”. Per l’opposizione, al contrario, i brogli sono stati addirittura più gravi che nelle politiche di tre mesi fa, cui seguirono le prime proteste per chiedere una “Russia senza Putin”. Secondo l’organizzazione indipendente Golos, ci sono state almeno 2000 denunce di irregolarità, tra cui numerose segnalazioni di ‘caroselli’, ossia elettori trasportati da un seggio all’altro per votare. Di voto “alterato” hanno parlato anche gli osservatori internazionali dell’Osce e del Consiglio d’Europa, secondo cui il risultato delle elezioni dovrebbe essere incerto fino al conteggio delle schede, ma questo non è stato nel caso russo, in cui tutte le circostanze favorivano un unico candidato: Putin.

“Non si possono definire elezioni, anche il conteggio è una frode”, ha detto il blogger anticorruzione Alexei Navalny, uno dei leader della piazza, arrestato a dicembre e poi scarcerato. Le rimostranze erano iniziate già quando erano trascorse poche ore dall’apertura dei seggi. Molte non sono state documentate, ma in rete sono apparse decine di foto e video di denuncia. Nella sola Mosca almeno 150 osservatori sono stati inoltre allontanati dai seggi. “Questa è stata la tornata elettorale più limpida della storia russa – ha replicato Stanislav Govorukhin, a capo della campagna elettorale di Putin – Mi viene da ridere a pensare alle denunce dell’opposizione”. Nonostante le manifestazioni nelle città, una sconfitta di Putin, già presidente per due mandati tra il 2000 e il 2008, era considerata da tutti improbabile. Nell’entroterra della Federazione gode infatti della credibilità costruita dando alla Russia stabilità, imposta con fermezza e pugno di ferro, dopo la crisi finanziaria degli anni Novanta e i caotici anni della presidenza di Boris Eltsin. Costringerlo al ballottaggio sarebbe stata già una vittoria per l’opposizione, cui la commissione elettorale ha impedito di candidare un vero sfidante. Avversari del premier uscente erano i soliti volti: il comunista Gennady Zyuganov, piazzatosi secondo con il 17 per cento dei consensi, e il populista Vladimir Zhirinovsky con il 6 per cento. Appena l’8 per cento è andato invece all’oligarca Mikhail Prokhorov, da molti considerato una foglia di fico, spinto dallo stesso Putin affinché sembrasse ci fosse un vero candidato rivale.

“Elezioni vecchie in un Paese nuovo”, ha scritto Nezavisimaia Gazeta, evidenziando che la campagna elettorale è stata condotta con uno stile che ignora i cambiamenti della Federazione. Sulla stessa linea più o meno tutti i quotidiani, secondo cui Putin pur con un’ampia vittoria non è riuscito a guadagnare legittimità. Posizione ripresa anche dalla stampa più filogovernativa come la Rossiskaia Gazeta, che ha esortato il governo a non ignorare le istanze che arrivano dai cittadini.

Un segno di distensione in questo senso è arrivato invece dal presidente uscente Dmitri Medvedev, in risposta al suo incontro il 20 febbraio scorso con i leader dei partiti di opposizione. L’uomo che per quattro anni ha sostituto Putin al Cremlino – perché non gli erano permessi tre mandati consecutivi – ha dato incarico alla sua amministrazione di preparare un progetto di legge per convocare un assemblea costituente e di riesaminare i casi di 32 detenuti tra cui l’oligarca Mikhail Khodorokovski. L’ex numero uno del gigante petrolifero Yukos, nemico politico di Putin, è in carcere dal 2005, condannato per frode e evasione fiscale assieme al suo numero due Platon Lebedev. Un caso considerato dagli osservatori come un regolamento di conti tra il Cremlino e l’uomo d’affari che aveva finanziato l’opposizione.

di Andrea Pira
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#6
Sfida al Cremlino: rieletto Putin, illesi gli altri candidati. [tacone]
Spinoza.it
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#7
Ale San Salvo Ha scritto:putin non mi è mai piaciuto:wars;

anche a me..soprattutto da quando è venuto a Bari nel 2007 per appropriarsi di alcuni nostri beni storico-culturali baresi...come le la caserma Rossani e la chiesa Russa-ortodossa di san Nicola..non gli bastano tutte quelle che ha nella sterminata Russia??
Cita messaggio
#8
Russia, opposizione in piazza contro i brogli Decine di arrestati, anche il leader Navalnyj | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)