Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
La "Rivoluzione Etica" in Spagna
#1
“Yes we camp”, in Spagna
arriva il movimento 15-M


Da Madrid a Barcellona va in scena la rivolta generazionale. Giovani precari, disoccupati, studenti, ma anche pensionati hanno organizzato mobilitazioni in decine di città in vista delle amministrative del 22 maggio: "Non diamo indicazione né di voto né di astensione. E questo fa paura, siamo una rivoluzione etica"
Il cartello “Yes we camp” risalta ben evidenza nel centro della principale tenda dell’accampamento di Plaza Catalunya di Barcellona. Rispecchia perfettamente il movimento 15-M: pacifico, eterogeneo, spontaneo ma soprattutto determinato.

“Non lasceremo questa piazza – dice Guillermo, studente universitario – abbiamo ancora troppe cose da dire. Non ci raccontano da sempre che in Spagna c’è la libertà d’ espressione?” Stesso tenore a Madrid, dove alla Puerta del Sol migliaia di persone si sono date appuntamento nel corso della scorsa notte malgrado una pioggia incessante. Ai manifestanti non importa nemmeno sapere il verdetto della Giunta Elettorale, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità delle occupazioni durante la campagna elettorale. “Non stiamo facendo politica – precisa Luz, disoccupata di Madrid – non diamo indicazione né di voto né di astensione. E questo fa paura, siamo una rivoluzione etica e i partiti sono disorientati dalla nostra limpidezza”.

Di fronte a mobilitazioni in decine di città, stonano intanto su media e per le strade spagnole gli slogan della campagna elettorale per le amministrative di domenica 22 maggio.

E’ fino a questa data che i manifestanti vogliono proseguire gli accampamenti e rimanere visibili. Ma la sensazione è che questa rivolta non sparirà facilmente, soprattutto perché da mobilitazione partita dai giovani precari, disoccupati e studenti disillusi, si sta espandendo al resto della società civile. La svolta è avvenuta nelle ultime ore, quando al fianco di migliaia di ragazzi si sono uniti i cittadini di tutte le età, tra cui migliaia di pensionati. “Questi ragazzi hanno un compito gravoso: Noi abbiamo combattuto la dittatura – dice una signora catalana – il nostro nemico lo vedevamo e lo conoscevamo. Ora i giovani devono combattere un fantasma molto più pericoloso: la dittatura economica”.

Sotto il sole di maggio i centri urbani spagnoli si sono trasformati in pochi giorni in luoghi di incontro e dibattito.

A Barcellona, passando indistintamente dal castigliano al catalano, per ore giovani e pensionati si confrontano sui tagli compiuti sui servizi sociali: “Il PSOE sta togliendo l’ossigeno al sistema scolastico. Il famoso progetto Bologna è una clamorosa precarizzazione del sistema universitario a livello europeo” racconta uno studente a un sessantenne che ribatte: “E se parliamo della sanità? Sono in lista da 5 mesi per curare il ginocchio a mia moglie. Impossibile curarla privatamente con la pensione di 800 euro al mese”.

Famiglie, anziani, giovani fanno la spola per portare caffè, coperte e pane fresco per sostenere le lunghe ore della notte.

Il movimento “Democracia Real Ya” si organizza ed esercita la pratica dell’autogoverno, con commissioni per garantire l’informazione ai cittadini e alla stampa, il rifornimento di cibo e acqua fino alle iniziative da prevedere per i giorni a venire.

Per sabato il movimento sta organizzando nella giornata di riflessione nuovi dibattiti , una necessità di fronte alle pressioni che arrivano dai media anche internazionali: “Ci chiedono quali proposte facciamo per cambiare il sistema – dice Pedro, dell’accampamento di Barcellona – pensiamo prima di tutto a che cos’è la democrazia. Sicuramente non è quella esercitata dai partiti e dai sindacati, che ovviamente non vogliamo in questo movimento”.

Tra i capannelli si dibatte sulla riforma della legge elettorale, del finanziamento dei partiti e del divieto di proseguire la carriera ai politici imputati. “Sono stanca di essere il futuro – dice una ventenne – io sono il presente”.

di Cristina Artoni

“Yes we camp”, in Spagna arriva il movimento 15-M | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano

[video=youtube;onUMw8lJ-oA]http://www.youtube.com/watch?v=onUMw8lJ-oA[/video]
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#2
Il vento del maghreb sta facendo sentire i suoi influssi pure in Europa....
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#3
Vediamo se spritz ci sa dire qualcosa ... :occhio:
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#4
Io ci sto anche per l'Italia, nonostante l'età... Wink
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#5
È un movimento ancora indefinito difficile da inquadrare, ha colto tutti alla sprovvista. Direi che più che fare vere e proprie proposte politiche, è più un movimento di denuncia, che ha colto l'occasione delle amministrative che si terranno domenica (dove è previsto un tracollo del PSOE) per ottenere visbilità e consensi trasversali.

I temi più sentiti sono il rifiuto di essere "marionette" nelle mani dei grandi finanzieri che hanno prima originato la crisi, poi se ne sono beneficiati e non ne hanno pagato minimamente le conseguenze.
Poi vi è una denuncia dell'inadeguatezza della politica che non è riuscita a contrastare la disoccupazione che tra i giovani è ben oltre il 45%, dell'assenza di un futuro per un intera generazione che non solo non avrà mai una pensione decente, ma probabilmente quando avrà 40 anni e non potrà più contare sull'aiuto economico dei genitori, vivrà serissimi problemi. Oltre al fatto che molti, tra disoccupazione ed i mille lavoretti precari, non acquisirà mai un profilo professionale adeguato per essere "attraente" per le aziende.
Infine vi è una denuncia della corruzione e del nepotismo diffusi, soprattutto a livello locale, dove gli "amici di" e i "figli di" vengono sempre ottimamente collocati in aziende pubbliche e private e dove per ottenere un appalto spesso devi conoscere qualcuno ben collocato.

Come vedete, temi che sono all'ordine del giorno, magari con meno forza, anche in Italia, anche se noi italiani sembriamo ormai rassegnati a questo stato di cose.

C'è da dire che a mio avviso, anche se la politica a livello locale è un porcaio che non ha nulla da invidiare all'italiano ed in alcune zone forse è anche peggio, a livello nazionale questi temi se non altro sono all'ordine del giorno e dibattuti sia dal governo che dall'opposizione, ma purtroppo nessuno ha la bacchetta magica per far sparire questioni che andavano affrontate per tempo, in ogni caso un abisso col governo italiano che si occupa d'altro.

In ogni caso hanno ragione da vendere e fa ben sperare il fatto che sia sorto un movimento del genere. Domani probabilmente mi faccio un giro al presidio che c'è qua a Santiago! :okok:
"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell).

"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio." (Italo Calvino, Le Città Invisibili)
Cita messaggio
#6
Grazie mille della spiegazione :occhio:

Beh, la politica clientelare ce l'hanno esportata proprio gli spagnoli, quindi è normale che siano simili le strutture e i modi per arrivare al potere, purtroppo...
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#7
Spagna degli indignados assegna una batosta a Zapatero - Corriere della Sera
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#8
Spagna, gli indignados invadono le piazze: “Non siamo merci in mano ai politici” | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#9
#SpanishRevolution [ITA] on Vimeo
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)