Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Iva al 23%, il Governo conferma e scoppia la protesta
#1
L’Iva salirà al 23% dal 1° ottobre. È previsto nella legge e sembra certo, almeno secondo quanto affermato dal viceministro dell’Economia Vittorio Grilli che ieri, nella trasmissione Ballarò, ha detto che “è già previsto dal decreto Salva Italia: l’Iva al 23% dal 1° ottobre. È nella legge”. Il viceministro ha inoltre spiegato che “non ci sono tesoretti” per ridurre le tasse. E l’annuncio non è certo passato inosservato.
Le categorie cominciano a protestare perché temono rincari e contrazione dei consumi. Secondo il Codacons, il Governo con l’aumento dell’Iva dal 21% al 23% fa “una scelta sciagurata, anche in considerazione del fatto che debito e deficit sono sempre considerati in rapporto al Pil e che non potrà esserci crescita nel nostro Paese se il Governo, già obbligato a ridurre la spesa pubblica, va ad incidere anche sui consumi già in calo, ossia su una componente fondamentale della domanda. Evidentemente – prosegue l’associazione – il Governo si è dimenticato della denuncia della Corte dei Conti che per l’Iva ha evidenziato un tax gap superiore al 36%, di gran lunga il più elevato tra i grandi Paesi europei, con l’eccezione della Spagna”. La richiesta dell’associazione è di seguire invece una politica di lotta all’evasione e di recupero “anche solo del 10%” dell’evasione denunciata dalla Corte dei Conti.
Le stime sulle famiglie parlano di una stangata: per il Codacons, una famiglia media Istat dovrebbe fronteggiare rincari diretti di 352 euro annuo; per una famiglia di tre persone, l’aumento dell’Iva al 23% si tradurrebbe in una “tassa da 418 euro” e senza considerare gli arrotondamenti di prezzo.
“Continuare ad insistere, come avviene in questi giorni, che ci sarà un nuovo aumento dell’Iva dal 21 al 23% e dal 10 al 12% è francamente da irresponsabili”, hanno detto Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti diFederconsumatori e Adusbef. “Quel che è peggio è che ad aumentare non saranno solo i prodotti soggetti all’Iva al 23% e al 12%, ma, attraverso costi aggiuntivi a partire da quello fondamentale dei carburanti, verranno ritoccati i prezzi di tutti i beni trasportati su gomma, in particolar modo i beni di largo consumo – affermano le due associazioni – Le conseguenze saranno disastrose, aumentando le sofferenze soprattutto delle famiglie meno abbienti”. Federconsumatori e Adusbef calcolano una ricaduta complessiva di 235 euro annui in più a famiglia.
Di stangata parla anche l’Adoc, che dà stime ancora maggiori. Sostiene il presidente Carlo Pileri: “L’aumento dell’Iva comporterà una stangata di 700 euro l’anno per le famiglie italiane che subiranno i maggiori impatti di spesa soprattutto nel settore carburanti, dove prevediamo un aumento di spesa pari a 150 euro l’anno, con la verde che facilmente supererà i 2 euro al litro, e nel settore alimentari. La spesa alimentare crescerà di circa 200 euro l’anno, pari a circa il 40% in più dell’attuale, comportando anche un calo dei consumi che l’Adoc stima intorno al 5-6%. L’aumento dell’Iva rischia di contrarre ancora di più i consumi e lascerebbe la porta aperta a eventuali speculazioni con un aumento dei prezzi ben maggiore di quello previsto”.
I Consumatori sono preoccupati dai rincari, dall’aumento dell’inflazione, dal gelo dei consumi. Per ilMovimento Difesa del Cittadino, “l’aumento dell’Iva comporterà un ulteriore impoverimento e una riduzione drastica dei consumi che, in questo momento di particolare difficoltà, non favorisce la crescita economica del Paese, quanto piuttosto un vero e proprio blocco degli acquisti e un aumento dell’inflazione. È necessario invece favorire la ripresa economica attraverso strumenti che garantiscano la tutela negli acquisti e incoraggino il mercato”. Per i cittadini è sempre più complicato gestire le spese, e il risultato non può che essere la sfiducia. Conclude MDC: “La direzione giusta da prendere è quella di un maggiore controllo per contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, l’aumento dell’Iva ha il solo effetto di scoraggiare i cittadini ormai sfiduciati e già appesantiti dai rincari”.
“Invertire la rotta” è la richiesta di Confesercenti, per la quale con il nuovo aumento l’Italia scavalcherebbe la media di tassazione europea, con un effetto collaterale di gelo sui consumi. “Con un Paese in recessione e i consumi in stallo, l’ulteriore aumento dell’Iva allontanerà sempre di più la crescita di cui l’Italia ha disperatamente bisogno, gelando di nuovo i consumi, colpendo anche il turismo e gravando indifferentemente su tutte le classi di reddito”, afferma Confesercenti, spiegando che con il raggiungimento del 23% “l’Iva del nostro Paese non solo scavalca la media dei 27 Stati della Ue (20,9%) ma supera anche abbondantemente quella delle altre economie europee di dimensioni comparabili, come Francia (19,6%), Spagna (18%) e Germania (19%) e si avvicina, in qualche caso superandole, a quelle degli Stati scandinavi, come Danimarca e Svezia (25%), e Finlandia (22%). Un peso insostenibile per i cittadini e le imprese d’Italia, su cui grava una tassazione diretta già altissima, con una pressione fiscale che raggiungerà il 46% nel 2013”.
L’aumento dell’Iva costerà un miliardo solo per le spese alimentari con ulteriori effetti depressivi sullaspesa per i generi alimentari, peraltro già vittima dell’aumento del costo del “carrello della spesa” rilevato dall’Istat. A sostenerlo è Coldiretti, per la quale l’aumento dell’Iva dal 21 al 23% colpirebbe anche prodotti di largo consumo come acqua minerale, birra e vino, mentre l’aumento di quella dal 10 al 12% avrebbe ripercussioni su numerosi generi alimentari, dalla carne al pesce alle uova.

Iva al 23%, il Governo conferma e scoppia la protesta « Help Consumatori
Cita messaggio
#2
Ormai andrò a trovare la mia Fidanzata in Bicicletta e mangerò Pane e Latte. Avanti con la Recessione!.
Osservatorio Meteorologico Professionale di Basilicanova (Parma) .



http://www.temp.digiteco.com/default.asp...&view=Real
Cita messaggio
#3
Tartassa
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#4
Sarmatico Ha scritto:Tartassa
Capitan Tartassa.
Osservatorio Meteorologico Professionale di Basilicanova (Parma) .



http://www.temp.digiteco.com/default.asp...&view=Real
Cita messaggio
#5
questi sono da manicomio

:forcone::forcone::forcone::forcone::forcone:
Cita messaggio
#6
"Il governo aumenta l’Iva per non aumentare le tasse" (cit.)
"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell).

"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio." (Italo Calvino, Le Città Invisibili)
Cita messaggio
#7
spritz82 Ha scritto:"Il governo aumenta l’Iva per non aumentare le tasse" (cit.)
Ma non è un colossale controsenso... Diminueranno di conseguenza i consumi. Mah... :facciapalma::facciapalma::facciapalma::fanculo:
Osservatorio Meteorologico Professionale di Basilicanova (Parma) .



http://www.temp.digiteco.com/default.asp...&view=Real
Cita messaggio
#8
spritz82 Ha scritto:"Il governo aumenta l’Iva per non aumentare le tasse" (cit.)

Una vecchia citazione dalla prima pagina di Libero :lolA:
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#9
siamo alla frutta e tra poco arriveremo al dolce!!!
Il mio Blog e il mio Forum

http://sampei1978.wordpress.com/

http://pescareinsieme.forumcommunity.net/

Voglio entrare nella Legione Straniera!!!
Cita messaggio
#10
spritz82 Ha scritto:"Il governo aumenta l’Iva per non aumentare le tasse" (cit.)

Ci stanno pigliando per il culo!! :rabbia: :forcone:
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)