Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Islanda, si risveglia il vulcano Grimsvotn
#1
Confusedhock:Confusedhock:Confusedhock:

Citazione:È situato sul più grande ghiacciaio d'Europa. Torna l'incubo voli: no fly zone per 216 km

MILANO - È situato sul più grande ghiacciaio dell'Europa e ha cominciato ad eruttare il vulcano Grimsvotn, scagliando verso il cielo una colonna di fumo bianco alta circa 15 chilometri. Lo ha reso noto il servizio meteorologico islandese. Il Grimsvotn è situato nel sudest dell'isola, sul ghiacciaio Vatnajokull, una regione disabitata. Secondo i geologi l'eruzione non dovrebbe causare problemi al traffico aereo, contrariamente a quanto accadde l'anno scorso, in aprile, quando il vulcano Eyjafjallajokul paralizzò per settimane gli spostamenti ad alta quota in più di mezza Europa con le sue ceneri. In realtà le autorità islandesi hanno già decretato un'iniziale no fly zone di 216 km di raggio intorno al vulcano. L'ultima attività eruttiva del Grimsvotn risale al 2004.
Cita messaggio
#2
è + grosso questo vulcano dell' Eyjafjallajokul?
Cita messaggio
#3
[Immagine: 60240820110522105940143.jpg]
Cita messaggio
#4
Canta86 Ha scritto:è + grosso questo vulcano dell' Eyjafjallajokul?

Da wiki

Citazione:Grímsvötn è un vulcano situato nel Sud dell'Islanda.
Il Grímsvötn si trova in un sistema vulcanico tra i più complessi e poderosi al mondo, che include inoltre il vulcano Katla, Laki e la fossa vulcanica di Eldgjá. La maggior parte del vulcano è nascosto sotto il gigante ghiacciaio Vatnajokull, il più grande ghiacciaio d'Europa.
Il vulcano Grímsvötn ha una grande caldera di 6x8 km di cui è visibile solo il bordo meridionale. La caldera contiene un lago di acqua allo stato liquido (Lago sub-glaciale Grímsvötn), generato dallo scioglimento del ghiaccio provocato dell'energia termica proveniente dal vulcano. Il lago è coperto dal ghiacciaio sovrastante, ma nel corso delle eruzioni o dei periodi di maggiore attività idrotermale del vulcano, la quantità di acqua di fusione e la pressione del lago contro il ghiaccio sopra, diventa abbastanza forte da alzare la diga di ghiaccio e riversare, sul lato sud del ghiacciaio, devastanti inondazioni note come jökulhlaups.
Durante le eruzioni, la parte sovrastante del ghiacciaio è spesso fusa, creando un gigantesco cratere nel ghiaccio permettendo una vista mozzafiato dall'alto sul lago, da dove può fuoriuscire cenere e vapore.
La struttura del vulcano Grimsvotn è circondata da una serie di fessure vulcaniche con un andamento Nord-Est, Sud-Ovest.
Spesso l'attivazione del vulcano Grimsvotn avviene contemporaneamente all'attivazione di alcune di queste fessure vulcaniche. Le eruzioni da queste fessure possono verificarsi ben oltre l'estensione del ghiacciaio, come la grande eruzione nel 1783, nota come l'eruzione del vulcano fissurale Laki.
La più grande eruzione effusiva nota che si sia mai verificata sulla Terra nel corso degli ultimi millenni si è verificata nel 1783 ed ha coinvolto contemporaneamente sia il Grímsvötn che il Laki: circa 15 chilometri cubi di lava basaltica sono stati eruttati da una fessura di 27 km di lunghezza per un periodo di 7 mesi. Accompagnato da enormi quantità di anidride solforosa e da emissioni di gas fluoro, l'eruzione ha causato danni alle colture diffuse, causato una grave carestia in Islanda. Come risultato, un quinto della popolazione dell'Islanda è stato ucciso. Alcune conseguenze dell'eruzione sono state notate anche in altre parti del mondo: ad esempio le nebbie vulcaniche (la nube di gas dalla eruzione) sono andata alla deriva su tutta Europa e parte dell'Asia causando alterazione delle temperature estive. Questa eruzione fu il primo caso che ha portato alcuni scienziati a ritenere che i vulcani possono avere una grande influenza sul clima del mondo.
Nel dicembre 1998 e nel novembre 2004, si sono verificate brevi eruzioni che sono durate circa una settimana e non hanno comportato la rottura del ghiacciaio. Tuttavia l'eruzione ha causato qualche disagio al traffico aereo in Europa.
Attorno alla fine del mese di ottobre 2010 si sono verificati segni premonitori di una imminente eruzione vulcanica[1]. In particolare si è registrato un aumento delle scosse sismiche attorno al vulcano comprese tra 2,7 e 4 gradi della scala Richter, il rilevamento di una consistente quantità di magma sotto il vulcano che ha causato un notevole riscaldamento della superficie attorno al vulcano comportando un notevole aumento del fiume Gigja.

Citazione:Eyjafjallajökull (pronuncia [ˈɛɪjaˌfjatlaˌjœkʏtl] ascolta[?·info], in italiano /ejafjatlaˈjɔkutl/),[1] è un ghiacciaio dell'Islanda. Con un'area di 100 km², è il quinto per estensione dei ghiacciai islandesi. Si trova nella parte meridionale dell'isola, a nord del villaggio di Skógar e a ovest del ghiacciaio Mýrdalsjökull.
Il nome significa in islandese Ghiacciaio dei Monti delle Isole; la parola è formata da eyja (isole), fjalla (montagne) e jökull (ghiacciaio); le isole in questione sono le Vestmann, su cui domina in lontananza.
Il ghiacciaio ricopre il vulcano Eyjafjöll. In località Fimmvörðuháls, la notte del 20 marzo 2010 si è aperto un cratere vulcanico.

Questo vulcano ha eruttato abbastanza frequentemente a partire dall'era glaciale. Prima del 2010, l'ultima eruzione avvenne dal 1821 al 1823, e causò una jökulhlaup (inondazione dovuta allo scioglimento dei ghiacci) che causò notevoli danni.
La parte terminale a sud della montagna era un tempo parte della costa atlantica. Poiché il mare si è ritirato di circa 5 km, la nuova costa ha lasciato dietro di sé molte deviazioni e una miriade di cascate, le più conosciute delle quali sono Skógafoss e Seljalandsfoss. Quando il vento è forte, l'acqua delle piccole cascate può creare un suggestivo rumore paragonabile all'ululato di un lupo.
Due delle lingue del ghiacciaio, Gigjökull e Steinsholtsjökull, terminano in lagune glaciali dove è normalmente possibile ammirare iceberg galleggianti. Nel 1967 parte di un enorme seracco chiamato Innstihaus, circa 15 milioni di m³ di ghiaccio, si staccò da un versante del ghiacciaio, precipitando nella laguna, 280 m più in basso. L'onda generata fu terribile: si riversò nel fiume Markarfljot con una forza di 21.000 m³/s, portando con sé enormi rocce e spazzando via tutto ciò che si trovava lungo il percorso.
Cita messaggio
#5
[video=youtube;R-L0pODM6lY]http://www.youtube.com/watch?v=R-L0pODM6lY[/video]
Cita messaggio
#6
[Immagine: slide_25863_281666_large.jpg]

[Immagine: slide_25863_281661_large.jpg]

Una foto del 2004, sempre dello stesso vulcano:

[Immagine: slide_25863_281668_large.jpg]
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#7
immagini spettacolari :eek:
Cita messaggio
#8
grazie wise,belle immagini Smile
Cita messaggio
#9
[Immagine: bilde?Site=XZ&Date=20110522&Category=FRE...R&NoBorder]

[Immagine: img_0011.jpg]
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#10
Bellissime le immagini..:applausi:
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)