Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Il "tunnel solare" Parigi Amsterdam
#1
[SIZE="4"]Due miglia di tunnel solare per i treni [/SIZE]
Protegge i treni generando anche energia.

[Immagine: tunnel-solare-44049.jpg]
Il tunnel, costruito per garantire la sicurezza della circolazione senza abbattere gli alberi, è già entrato in funzione e contribuirà ad alimentare i "treni verdi", la segnaletica, l'illuminazione e il riscaldamento delle stazioni con una conseguente diminuzione della produzione di CO2.
Un gigantesco tunnel solare divide Parigi da Amsterdam: si tratta di una protezione per i treni superveloci, contro le intemperie e gli alberi che cadono, ma produce anche elettricità.

“Un nuovo tipo di protezione per le linee ferroviarie, che produce energia elettrica”
Energia dal sole - L’impianto è lungo circa due miglia e provvede a fornire energia a una delle più importanti stazioni ferroviarie di tutto il Belgio. Sulla tratta che divide Parigi da Amsterdam sono stati montati 16.000 pannelli solari che sono in grado di contribuire, per circa il 50%, al fabbisogno energetico della stazione di Antwerp, che è situata nel mezzo del percorso.

Protegge ed è utile - Il tunnel solare europeo per i treni è stato specificatamente progettato per proteggere i convogli dalla caduta accidentale di piante e alberi sulle rotaie ad alta velocità, in un punto in cui corrono a fianco di una delle più vecchie foreste europee.

Filmato e futuro - Nel video pubblicato online si può constatare l’esatta dimensione dell’impianto, che corre lungo l’autostrada. La medesima compagnia nordeuropea ha in progetto altri impianti a energia rinnovabile simili: dei tunnel solari sulle linee intorno a Londra, in Inghilterra. (pp)
Niccolò Fantini

[video=youtube;Sc7ahEzVt1U]http://www.youtube.com/watch?v=Sc7ahEzVt...r_embedded[/video]

[Immagine: Enfinity-in-Belgium-has-completed-the-An...37x322.jpg][Immagine: Solar-Tunnel1-e1307381514359.jpg]
Last year we reported how clean energy company Enfinity was working with Belgian rail infrastructure firm Infrabel to make rail travel even greener by installing 16,000 solar panels on the roof of a two-mile long rail tunnel connecting Paris to Amsterdam. This week, it was announced that construction is now complete.

Last year we reported how clean energy company Enfinity was working with Belgian rail infrastructure firm Infrabel to make rail travel even greener by installing 16,000 solar panels on the roof of a two-mile long rail tunnel connecting Paris to Amsterdam. This week, it was announced that construction is now complete.
The tunnel was originally constructed to protect the region’s forests by diverting trains through the mountains, rather than felling ancient trees. But now it’s playing an even larger environmental role.

Over two miles, 16,000 solar panels are producing enough energy to power all the trains in Belgium for one day per year, in addition to powering up the Antwerp station; this is approximately 3.5Mw/hours of energy each year. The entire project is estimated to have cost $20.1 million.

“For train operators, it is the perfect way to cut their carbon footprints because you can use spaces that have no other economic value and the projects can be delivered within a year because they don’t attract the protests that wind power does,” said Bart Van Renterghem, UK head of Belgian renewable energy company Enfinity, which installed the panels.

“We had a couple of projects lined up around London with train operators and water utilities, but they have been put on hold.”

fonti:
Ferrovie
Two Mile-Long Solar Tunnel Unveiled for Paris-Amsterdam High Speed Rail Line | Inhabitat - Green Design Will Save the World
Aperto in Europa il primo tunnel solare ferroviario tra Parigi e Amsterdam | speciale in Liquida
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#2
Carino, ma due miglia di pannelli per una larghezza di circa 15 m, cioè quasi cinque ettari, e un costo di venti milioni di dollari per alimentare al 50% una stazione (e se ho ben capito solo di giorno), danno un'indicazione abbastanza chiara sulle attuali potenzialità del fotovoltaico...

Per fortuna nella versione inglese si afferma che oltre alla stazione con l'energia prodotta in un anno, cioè 3,5 MWh (si scrive così, non MW/h), è possibile alimentare per un giorno tutti i treni del Belgio...
Peccato che UN SOLO treno ad alta velocità a 300 km/h consumi in UN'ORA 12 MWh di energia... :lolA:
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#3
carino °_°
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#4
Gennaio1985 Ha scritto:Carino, ma due miglia di pannelli per una larghezza di circa 15 m, cioè quasi cinque ettari, e un costo di venti milioni di dollari per alimentare al 50% una stazione (e se ho ben capito solo di giorno), danno un'indicazione abbastanza chiara sulle attuali potenzialità del fotovoltaico...

Per fortuna nella versione inglese si afferma che oltre alla stazione con l'energia prodotta in un anno, cioè 3,5 MWh (si scrive così, non MW/h), è possibile alimentare per un giorno tutti i treni del Belgio...
Peccato che UN SOLO treno ad alta velocità a 300 km/h consumi in UN'ORA 12 MWh di energia... :lolA:

carino°_°

Il progetto, primo nel suo genere in Europa, è nato con lo scopo di costituire una barriera di protezione per i mezzi ferroviari in caso di caduta alberi nel corso del tragitto. La ferrovia che attraversa il territorio belga passa vicino ad una antica foresta e il completamento della galleria ha evitato anche la necessità di ricorrere per motivi di sicurezza ad una inopportuna quanto dannosa deforestazione.

L'opera, giunta alla sua fase esecutiva, rappresenta il risultato di una collaborazione tra Enfinity, società specializzata nello sviluppo di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, Infrabel, gestore dell'infrastruttura ferroviaria belga, i comuni di Brasschaat e Schoten e Solar Power Systems, azienda attiva nel comparto solare.

Per ricoprire la parte superiore del tunnel è stato necessario installare la bellezza di 16 mila pannelli solari, pari ad una superficie di 50.000 m2, area grande quanto otto campi di calcio.

Si stima che l'impianto sia in grado di generare più o meno 3,3 MWh di elettricità all'anno, equivalenti al consumo medio annuale di energia elettrica di quasi 1.000 famiglie. L'elettricità prodotta è destinata a provvedere al normale funzionamento di segnaletica, illuminazione e riscaldamento delle stazioni, alimentando allo stesso tempo la corsa delle vetture.

In prospettiva, 4.000 treni ogni anno – corrispondente ad una giornata di intenso traffico su rotaia – saranno in grado di viaggiare grazie al sistema di rifornimento ad energia solare, fonte che sembra ricevere una sempre maggiore attenzione come mezzo per diminuire l'impronta di carbonio del settore dei trasporti ferroviari.

Per parte sua il tunnel solare consentirà un beneficio in termini di minor inquinamento con una una riduzione prevista delle emissioni di CO2 nell'atmosfera dell'ordine di 2.400 tonnellate annue, oltre 47.000 tonnellate risparmiate in due decenni.

Ambiente - LaStampa.it: Aperto in Europa il primo tunnel solare ferroviario
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)