Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Gran Bretagna sotto scacco
#1
[Immagine: iwjdw.gif]


[Immagine: dkWUi.gif]


[Immagine: hM1zp.png]


[Immagine: VQ7VN.png]


[Immagine: q1F3y.png]



[video=youtube;JVhknsVjOfY]http://www.youtube.com/watch?v=JVhknsVjOfY[/video]

[video=youtube;s-S4LZcJKyk]http://www.youtube.com/watch?v=s-S4LZcJKyk[/video]

[video=youtube;dAbHaVdIa2I]http://www.youtube.com/watch?v=dAbHaVdIa2I[/video]
Cita messaggio
#2
Licantropo90 Ha scritto:[Immagine: hM1zp.png]



Alla faccia del jet streak!! Confusedhock:
"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell).

"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio." (Italo Calvino, Le Città Invisibili)
Cita messaggio
#3
[h=1]Venti di uragano fino a 170 km/h devastano l’Europa settentrionale, dalla serata irromperà una nuova tempesta verso l’arco alpino[/h]
Il 2012 si apre con una nuova e intensa tempesta di vento che ha spazzato buona parte dei paesi dell’Europa settentrionale, con raffiche che hanno superato la soglia dei
130-140 km/h tra isole Britanniche, sud della Norvegia, Danimarca e Olanda. Sui rilievi della Scozia, in particolare sulle Highlands, alcune stazioni meteorologiche avrebbero registrato delle raffiche di picco di oltre i170-180 km/h. Tutto merito del passaggio di una spettacolare “depressione-uragano” che si è sviluppata e approfondita nei giorni scorsi, nel tratto di oceano Atlantico, nei pressi dell’Islanda, a seguito dello scivolamento di un grosso blocco di aria abbastanza gelida, isoterme prossime ai -30° alla quota di 850 hpa, dalla Calotta Polare verso il Plateau ghiacciato groenlandese e il mar di Baffin.

Il profondissimo vortice di bassa pressione nella giornata di ieri, ulteriormente rinvigorito dall’avvezione d’aria fredda diretta verso il nord Atlantico, si è poi spostato nel tratto di mare poco a nord della Scozia per andare a finire sul settore più settentrionale del mar del Nord, richiamando al suo seguito potenti tempeste di vento, tra S-SO e O-SO, che hanno spazzato gran parte del Regno Unito, il mar del Nord, il Belgio, l’Olanda, la Danimarca e la Germania, con raffiche fino a 120-130 km/h, localmente anche più. Durante il transito sopra il Mar del Nord il profondissimo ciclone extratropicale, per un breve periodo, è scivolato sotto la soglia dei 956 hpa al suolo, nel tratto di mare ad est di Aberdeen. Un valore davvero notevole che ha innescato delle tempeste particolarmente violente tra isole Britanniche e Danimarca. I venti molto forti che hanno spazzato la Scozia e il nord dell’Inghilterra hanno creato notevoli danni e disagi. Per alcune ore le forti raffiche da O-SO hanno costretto le autorità locali alla chiusura di gran parte degli scali aeroportuali, fra cui quelli più famosi di Glasgow e Edimburgo. Sempre in Scozia tutti i treni sono stati sospesi e alcune strade sono chiuse in seguito ad incidenti o a causa di rami e altri oggetti trasportati dal vento.

I venti di uragano hanno flagellato duramente anche l‘Irlanda del Nord, dove si sarebbero superati ampiamente i 140-150 km/h nei bassi strati e lungo le zone costiere più esposte. Davvero ragguardevole il picco prossimo ai 170 km/h che è stato archiviato nei pressi di Donegal, una delle aree più duramente colpite dalla furia eolica scatenata dal passaggio ravvicinato del profondissimo ciclone extratropicale di 956 hpa. Proprio in questa parte del Nord Irlanda le violente folate da O-SO hanno provocato l’abbattimento di numerosi alberi, danneggiando molte abitazioni. In alcune cittadine dell’Irlanda del Nord l’uragano ha provocato enormi danni alle linee elettriche, determinando estesi black-out. I fortunali dal quadrante occidentale hanno rapidamente attraversato il mar d’Irlanda per abbattersi sulle coste dell’Inghilterra e del Galles. Sul Galles la massima raffica avrebbe superato persino i 150 km/h. Raffiche di vento fino ad oltre i 120-130 km/h si sono registrate pure in Inghilterra. A Portland Bill si sono superati i 135 km/h come raffica di picco e rappresenta il valore più elevato segnalato in Inghilterra, sin dalle basse quote. Ma raffiche di oltre i 100-120 km/h non hanno risparmiato neppure l’estremo sud dell’Inghilterra e la regione del Kent.

Resto dell'articolo qui..

Venti di uragano fino a 170 km/h devastano l’Europa settentrionale, dalla serata irromperà una nuova tempesta verso l’arco alpino | MeteoWeb
Cita messaggio
#4
[Immagine: DU6RU.gif]
[Immagine: anigif.gif]
Radar 17:30
[Immagine: b6Ouo.png]
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#5
[video=youtube;ltIWLpO6xu4]http://www.youtube.com/watch?feature=pla...tIWLpO6xu4[/video]
[video=youtube;CiQusnM2iCc]http://www.youtube.com/watch?v=CiQusnM2i...r_embedded[/video]

Scozia
[Immagine: AiO8nHOCMAEK30f.jpg:large]
[Immagine: AiO0CQoCEAAlzZf.jpg:large]
[Immagine: 65sgox.jpg]
[Immagine: 488036397.jpg?Expires=1325724732&Key-Pai...hiNzVLDqc_]
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#6
boia che roba.. carte impressionanti e video ancora di più..
Instagram - 500px - LinkedIn
Le mie corse su Strava

«To see things thousands of miles away, things hidden behind walls and within rooms, things dangerous to come to, to draw closer, to see and be amazed. That’s Life.»

«Cos'è il genio? Fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'azione.»
Cita messaggio
#7
In realtà i danni del vento sono risalenti ad una perturbazione del giorno prima (03/01), vento che è risultato particolarmente intenso per il fenomeno dello "sting jet" (che non conoscevo), ovvero un getto molto intenso di aria secca che discende dai livelli medi fino alla superficie durante alcune delle ciclogenesi più intense, esaltando i fenomeni sulla superficie.

Qualche link per approfondire:

“Sting jet” signature associated with a high wind event in Scotland « CIMSS Satellite Blog

“Sting jet” asociado a una borrasca y a un acontecimiento de fuertes vientos en Escocia, 3 de enero de 2012 « - Revista del Aficionado a la Meteorología
"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell).

"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio." (Italo Calvino, Le Città Invisibili)
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)