Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
follia del calcio....
#1
Follia ultrà Juve contro Mariella Scirea
Comunicato dei Drughi, ''rinunci lei al cognome''
13 marzo, 18:22

Il gruppo ultrà della Juve "Drughi" ha diffuso una lettera di insulti contro Mariella Scirea, affermando che deve essere lei a rinunciare al cognome Scirea. In settimana la signora Scirea aveva stigmatizzato i cori razzisti che spesso si levano dalla curva intitolata a suo marito, minacciando di togliere alla Sud il nome del marito. Nella "Lettera", firmata Drughi Ultrà Curva Sud, la insultano e affermano che dovrebbe essere lei a rinunciare al cognome Scirea. Nella loro "Lettera", i Drughi Ultrà Curva Sud scrivono, tra l'altro che allo Juventus Stadium la curva intitolata a Gaetano Scirea è denominata semplicemente Tribuna Sud. "Il nome di Gaetano Scirea - precisano - non è mai contemplato, quindi non capiamo come faccia a togliere qualcosa che semplicemente non esiste". "Quindi - aggiungono - accettiamo l'invito della signora e da ora in poi il cognome Scirea non identificherà più il settore più vero e sincero dello Stadium, ma anche lei facesse altrettanto tornando a farsi chiamare con il cognome da nubile: Cavanna".

L'ira di Zoff, superato ogni limite - "Si è superato ogni limite": anche Dino Zoff, icona del calcio italiano, bandiera bianconera e amico personale di Gaetano Scirea, prende le distanze dal gruppo ultrà dei "Drughi" che ha diffuso una lettera contro Mariella Scirea. "Mi sembra si stia esagerando: penso che si debba chiudere qui e passare ad avere un comportamento più appropriato. La signora ha solo voluto mandare un invito ad abbassare i toni, invece è stato strumentalizzato".

Abete: Mariella Scirea tiene alto quel nome - ''Questa mi sembra ovviamente un'invasione di campo. Penso sia naturale che in primis la signora Scirea voglia tenere alto il nome e l'immagine di suo marito che ha onorato il calcio italiano a 360 gradi con la maglia della Juve e dell'Italia''. Così il presidente della Figc, Giancarlo Abete, commenta il comunicato con cui i Drughi, gruppo di tifosi bianconeri che occupano la curva sud dello Juventus Stadium, intimano alla vedova Scirea di non utilizzare il cognome del marito, dopo che questa aveva minacciato di toglierlo al settore dello stadio da cui più volte sono provenuti cori razzisti. ''Sono stato due volte in Polonia a visitare il luogo dove è deceduto - rileva il numero uno del calcio italiano, a margine dell'annuncio del vincitore del Premio Bearzot, avvenuto in Federcalcio -. Oggi tra l'altro c'è l'oobiettivo della Federazione di un ricordo specifico di Scirea in quel luogo perché ha onorato il nostro mondo come giocatore e uomo. Merita il massimo rispetto e questo dovrebbero ricordarlo coloro i quali hanno l'opportunità di essere in un luogo dello stadio che lo ricorda''. Abete quindi parla della sfida di Europa League tra i bianconeri di Conte e la Fiorentina, valida per l'ottavo di Europa League, e in scena stasera proprio nello stadio juventino:''E' una partita importante nello scenario internazionale, bisogna cercare di trasferire una dimensione positiva del nostro calcio. E' un peccato che le due squadre siano state sorteggiate insieme, una uscirà ma sono due squadra attrezzate per arrivare fino alla fine''.
[Immagine: 1523773_10151975495315765_744383259_o.jpg]
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)