Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Disinformazione a catena
#1
O "come fare disinformazione sulla disinformazione".

Ecco un articolo comparso sul Corriere della Sera di oggi a firma Alessandra Mangiarotti

Citazione: Alessandra Mangiarotti 12 febbraio 2012 | 8:53 RIPRODUZIONE RISERVATA

Gelo fino a giovedì, la guerra delle previsioni sbagliate - Corriere.it

Testo integrale:

Citazione:Gelo fino a giovedì, la guerra delle previsioni sbagliate
Nella capitale inesatto il dato sulla precipitazioni dell'altro ieri. L'ondata di maltempo anche in Sicilia a bassa quota


Dopo la neve i metereologi annunciano il grande freddo. Neve fino a domani e gelate fino a giovedì. Ma il sindaco Gianni Alemanno torna all'attacco: «Purtroppo in questi giorni le previsioni si sono dimostrate fuorvianti». E, come una settimana fa, il suo indice è puntato contro la Protezione civile. Forse contro quei 30 centimetri annunciati per venerdì su Roma e rivelatisi molti di meno. Contro quella nevicata che era stata prevista per la serata di ieri e invece è arrivata sotto forma di temporale nevoso già nel pomeriggio. Previsioni, appunto, non sempre azzeccate per la Capitale ma anche per altri pezzi d'Italia: come le Marche dove era stata anticipata la neve ma non così tanta.

Giovedì è stato proprio Alemanno ad annunciare tanta neve: «Le previsioni della Protezione civile danno per domani 30 centimetri a Roma. L'ondata di maltempo dovrebbe cessare sabato a pranzo». Invece, mentre venerdì i centimetri sono stati molti meno come previsto da altri, ieri pomeriggio sulla Capitale si è abbattuto un temporale di neve: «Un fenomeno particolare osservabile solo nel momento in cui si è verificato». Forse da parte della Protezione civile che ha evidenziato l'imprevedibilità dell'evento sul suo sito ma non, ad esempio, da parte de ilMeteo.it.
Replicano dalla Protezione civile: «I 30 centimetri annunciati per giovedì erano la previsione peggiore, elaborata su modelli testati a livello Ue, che in alcune parti di Roma si è avverata». Nell'Italia dei 200 siti meteo i modelli di riferimento sono quelli del Centro europeo di Reading. «Un tantino le carte bisogna leggerle e perderci del tempo - dice il metereologo Mario Giuliacci -. Forse la Protezione civile ha esagerato per cautelarsi ma penso che sia tra l'incudine e il martello. Manca la tranquillità per lavorare bene. L'esperienza del terremoto d'Abruzzo insegna». Ma Antonio Sanò de ilMeteo.it aggiunge: «Vanno sempre forniti dati oggettivi non filtrati dalle emozioni. Non è che perché una volta si sottostima un dato la volta dopo lo si porta all'eccesso».

Detto questo i metereologi concordano che nevicherà ancora oggi e domani. «Oggi dai 400 metri su Puglia, Basilicata, Sicilia e Calabria. Nella Romagna e nel Pesarese. Qualche fiocco nel Nordest», dicono da ilMeteo.it. Dieci centimetri ad Ancona, qualcosa in meno a Rimini e Sassari. «Vista la neve caduta, le forti escursioni termiche e i venti freddi da nord-nordest il clima sarà gelido fino a giovedì». Quando una nuova breve perturbazione lascerà finalmente spazio a un clima più mite: «Da venerdì sole e temperature diurne che, dopo settimane, torneranno a salire a 10 gradi». Intanto ieri sera la neve è arrivata quasi a quota mare anche in Sicilia e al Sud. Nessuno l'aveva prevista così.

Passaggi disinformanti chiave:
Citazione:Dopo la neve i metereologi
(della serie non facciamoci mancare gli errori di ortografia)
Citazione:annunciano il grande freddo
(in realtà le temperature sono destinate a risalire nei prossimi giorni e i due picchi di freddo sono già passati)

Citazione:Ma il sindaco Gianni Alemanno torna all'attacco: «Purtroppo in questi giorni le previsioni si sono dimostrate fuorvianti». E, come una settimana fa, il suo indice è puntato contro la Protezione civile. Forse contro quei 30 centimetri annunciati per venerdì su Roma e rivelatisi molti di meno.
(Alemanno disinformando qualcosa come 2 milioni di persone, in questo sta cercando di fare concorrenza a Sanò Antonio da Cartura (PD), parla di 30 cm di neve visto che, dopo aver scoperto qualche ora prima che 1 cm di neve corrisponde pressapoco a 1 mm di precipitazione piovosa, applica l'equazione 30 mm = 30 cm. Peccato che nessuno avesse specificato che tutte le precipitazioni dovessero essere nevose, tantopiù che a Roma le variazioni significative ci sono da un quartiere all'altro e le temperature iniziali non erano certo da neve sin da subito.)

Citazione:Contro quella nevicata che era stata prevista per la serata di ieri e invece è arrivata sotto forma di temporale nevoso già nel pomeriggio.
(L'imprevedibilità della meteo, come si dice, visto che un temporale nevoso può essere un evento casuale e difficilmente prevedibile che determina uno sfasamento temporale di qualche ora nel passaggio delle precipitazioni da forma liquida a forma solida. Un errore legittimo e giustificabile. Fra l'altro specificando che le precipitazioni sarebbero diventate, secondo la previsione, nevose dalla serata si dichiara apertis verbis che quei 30 mm erano appunto totali.)

Citazione:Previsioni, appunto, non sempre azzeccate per la Capitale ma anche per altri pezzi d'Italia: come le Marche dove era stata anticipata la neve ma non così tanta.
(E questo come sanno quasi tutti è completamente falso, visto che le nevicate molto abbondanti su Marche, Abruzzo, Romagna erano ampiamente previste.)

Citazione:Invece, mentre venerdì i centimetri sono stati molti meno come previsto da altri, ieri pomeriggio sulla Capitale si è abbattuto un temporale di neve: «Un fenomeno particolare osservabile solo nel momento in cui si è verificato». Forse da parte della Protezione civile che ha evidenziato l'imprevedibilità dell'evento sul suo sito ma non, ad esempio, da parte de ilMeteo.it.
(Ma forse perchè la Protezione Civile non ha un sito con aggiornamenti in tempo reale, cosa che è solita farsi su ilMeteo.it?)

Citazione:Nell'Italia dei 200 siti meteo i modelli di riferimento sono quelli del Centro europeo di Reading. «Un tantino le carte bisogna leggerle e perderci del tempo - dice il metereologo Mario Giuliacci -. Forse la Protezione civile ha esagerato per cautelarsi ma penso che sia tra l'incudine e il martello. Manca la tranquillità per lavorare bene. L'esperienza del terremoto d'Abruzzo insegna». Ma Antonio Sanò de ilMeteo.it aggiunge: «Vanno sempre forniti dati oggettivi non filtrati dalle emozioni. Non è che perché una volta si sottostima un dato la volta dopo lo si porta all'eccesso»
(Giustissima l'osservazione di Giuliacci e ancora una volta Sanò non perde occasione per bacchettare a vanvera gli altri dall'alto della sua non laurea, che sarebbe una posizione di illegalità all'Estero, ma non nell'Italia delle corporazioni che non coprono tutti i settori.)

Conclusione: non ci resta che piangere...
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#2
mesociclone Ha scritto:O "come fare disinformazione sulla disinformazione".

Ecco un articolo comparso sul Corriere della Sera di oggi a firma Alessandra Mangiarotti



Gelo fino a giovedì, la guerra delle previsioni sbagliate - Corriere.it

Testo integrale:



Passaggi disinformanti chiave:
(della serie non facciamoci mancare gli errori di ortografia)
(in realtà le temperature sono destinate a risalire nei prossimi giorni e i due picchi di freddo sono già passati)

(Alemanno disinformando qualcosa come 2 milioni di persone, in questo sta cercando di fare concorrenza a Sanò Antonio da Cartura (PD), parla di 30 cm di neve visto che, dopo aver scoperto qualche ora prima che 1 cm di neve corrisponde pressapoco a 1 mm di precipitazione piovosa, applica l'equazione 30 mm = 30 cm. Peccato che nessuno avesse specificato che tutte le precipitazioni dovessero essere nevose, tantopiù che a Roma le variazioni significative ci sono da un quartiere all'altro e le temperature iniziali non erano certo da neve sin da subito.)

(L'imprevedibilità della meteo, come si dice, visto che un temporale nevoso può essere un evento casuale e difficilmente prevedibile che determina uno sfasamento temporale di qualche ora nel passaggio delle precipitazioni da forma liquida a forma solida. Un errore legittimo e giustificabile. Fra l'altro specificando che le precipitazioni sarebbero diventate, secondo la previsione, nevose dalla serata si dichiara apertis verbis che quei 30 mm erano appunto totali.)

(E questo come sanno quasi tutti è completamente falso, visto che le nevicate molto abbondanti su Marche, Abruzzo, Romagna erano ampiamente previste.)

(Ma forse perchè la Protezione Civile non ha un sito con aggiornamenti in tempo reale, cosa che è solita farsi su ilMeteo.it?)

(Giustissima l'osservazione di Giuliacci e ancora una volta Sanò non perde occasione per bacchettare a vanvera gli altri dall'alto della sua non laurea, che sarebbe una posizione di illegalità all'Estero, ma non nell'Italia delle corporazioni che non coprono tutti i settori.)

Conclusione: non ci resta che piangere...

Ancora una volta non sei riuscito a trattenerti dall'ostentare pubblicamente le tue conoscenze di latino!Confusedtretta:
Cita messaggio
#3
Meso a quanto pare è un classicista...come il nostro vecchio amico Prealpi Big Grin
Stazione meteo Tortoreto Lido (TE)


[Immagine: OutsideTempHistory.gif]
[Immagine: meteogram.png]
Cita messaggio
#4
Nevofilo88 Ha scritto:Meso a quanto pare è un classicista...come il nostro vecchio amico Prealpi Big Grin
hai dimenticato la parola più importante EX
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)