Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Di che comune siete patrizi/attinenti?
#1
Una definizione perchè so che in Italia non si chiama così

Che cos'é un patriziato?

:: PATRIZIATO DI ASCONA ::
IL PATRIZIATO TICINESE IN BREVE
Il Patriziato (anticamente vicinato o vicinia) è una corporazione di diritto pubblico, autonoma nei limiti stabiliti dalla Costituzione e dalle leggi (principalmente la Legge organica patriziale (LOP), composta dagli antichi gestori ed usufruttuari (famiglie originarie) di beni comuni indivisi, che si è mantenuta in Ticino ed ha assunto questo nome dopo la Rivoluzione francese.

Per legge il Patriziato è tenuto a conservare ed utilizzare i propri beni con spirito viciniale a favore della comunità, garantendone l’uso pubblico e valorizzando le tradizioni locali.
Lo spirito viciniale può essere definito quale strumento per mobilitare le energie vitali degli organi patriziali nel garantire le funzioni del patriziato, come la salvaguardia di boschi, prati, pascoli, monti, alpi e beni culturali e la loro gestione ad uso sociale, nell’interesse della collettività.

Gli organi del Patriziato sono l’Ufficio patriziale (o amministrazione patriziale) e l’Assemblea patriziale.
L’ufficio patriziale si compone di 3 o di 5 membri ed è l’organo esecutivo, cui compete l’amministrazione del Patriziato.
L’Assemblea patriziale rappresenta la riunione degli aventi diritto in materia patriziale, cui compete principalmente il compito di eleggere l’Ufficio patriziale, di adottare i regolamenti, di approvare ogni anno il conto preventivo e il conto consuntivo ed in generale di sorvegliare sull’amministrazione patriziale.

La principale differenza rispetto al Comune risiede nella composizione della cittadinanza: mentre nel Comune hanno diritto di voto e di eleggibilità tutti i cittadini svizzeri domiciliati nel suo comprensorio (base territoriale), nel Patriziato tali diritti appartengono, di regola, solo ai discendenti delle famiglie patrizie, anche se domiciliati altrove (base personale).


Per rendere meglio l'idea ecco un esempio dei possedimenti dei patrizi e delle patrizie.
[Immagine: proprieta_patrizialesmall.jpg]

BOSCHI E TERRENI

Il Patriziato di Ascona è proprietario di oltre il 40% del territorio comunale (oltre 60 particelle nel Comune di Ascona ed una particella nel Comune di Losone, per oltre complessivi 2'000'000 di mq). Le proprietà sono costituite in gran parte da bosco collinare (ca. 90 ha) ed in parte da terreni sul delta della Maggia e in riva al lago.
Annualmente il Patriziato destina una parte importante delle proprie risorse finanziarie alla cura dei boschi e dei terreni.
La gestione del patrimonio boschivo avviene in stretta e proficua collaborazione con l’Ufficio forestale di circondario, sulla base di un piano di gestione forestale (attualmente quello approvato dal Consiglio di Stato per il periodo 2006-2015).


SENTIERI IN COLLINA

La rete dei sentieri della collina è stata realizzata a partire dagli anni 60 in collaborazione con il Comune e grazie ad un contributo dell’Ente turistico locale.
Alla fine degli anni 80, con il sostegno del Comune, si è portata a termine la rete degli idranti antincendio, importantissima per la tutela e la fruibilità sicura del bosco.
L’area forestale tra il Monte Verità e la strada cantonale Arcegno-Ronco s/Ascona è molto frequentata (si parla di un’affluenza di oltre 100'000 persone all’anno). Secondo l’Ufficio cantonale forestale rappresenta “un comprensorio di ricreazione di prima qualità, insostituibile non solo per il Comune di Ascona, ma pure per tutto il Locarnese”. I sentieri della collina rappresentano una vera attrazione per lo svago e il ristoro della gente del posto e dei nostri graditi ospiti e sono menzionati tra le principali offerte turistiche della nostra regione, al capitolo “escursioni” .
La manutenzione della rete di sentieri è sicuramente una delle priorità del nostro Patriziato, che, in collaborazione con il Comune, interviene costantemente per garantire e favorire la fruibilità sicura del bosco.





qui un altro esempio di patriziato, quello del mio comune con le varie attività.
Patriziato di Castel San Pietro
Cita messaggio
#2
ma in italia non credo mica che esista nulla di simile
Questi pareva a me maestro e donno,cacciando il lupo e ' lupicini al monte per che i Pisan veder Lucca non ponno.
Cita messaggio
#3
no Patrizia non la conosco
Cita messaggio
#4
nulla di simile in Italia.
Cita messaggio
#5
Zogno (BG) quella è roba arcaica del 700'.........:confuso:
Cita messaggio
#6
io sono patrizio di un paese del luganese. Uno può essere patrizio ed avere diritti sul patriziato anche se non ci ha mai vissuto, basta avere antenati patrizi. Per esempio un discendente di un ticinese emigrato in Argentina che non conosce nemmeno il paese potrebbe partecipare alle decisioni del patriziato e partecipare a manifestazioni, ritrovi ecc... mentre uno che vive da una vita nel comune no. Tutto dipende dall'antenato che uno ha. La partecipazione é libera, io non ho mai avuto a che fare con il patriziato del comune luganese. Se volessi potrei. Uno furbo potrebbe anche sfruttare il patriziato per utilizzare il patriziato solo quando gli fa comodo. Per esempio partecipando a feste, pranzi gratuiti o altre cose piacevoli.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)