Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Ciarrapico: “Baci gay? Che schifo!”
#1
Roma – “Due gay che si baciano mi fanno schifo. Durante il fascismo venivano mandati a Carbonia, scavavano e stavano benissimo. Oggi non vale nemmeno la pena mandarceli”. Così Giuseppe Ciarrapico, senatore del Pdl alla Zanzara su Radio 24.

“Il caso Giovanardi? In questo paese i gay non si possono attaccare” si lamenta Ciarrapico ”ma io prerisco la farfallina di Belen. In Italia oggi ti devono piacere per forza i gay, ma a me piacciono le donne. Per fortuna vedo gli omosessuali una volta l'anno durante il gay pride, poi basta”.

Di tutt’altra opinione Mara Carfagna, deputato Pdl, sulle dichiarazioni del senatore del suo stesso partito Ciarrapico: “Ciascun uomo o donna ha diritto ad esprimere la propria opinione. I parlamentari, addirittura, possono godere di una tutela particolare del loro diritto ad esprimere opinioni politiche. Io penso, però, che questi diritti non dovrebbero mai essere utilizzati per additare, insultare o denigrare uomini, donne, e, addirittura, intere categorie”.

Dichiara in una nota Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center: “Le dichiarazioni di Giuseppe Ciarrapico sui gay sono a dir poco vergognose se non violente soprattutto lì dove riecheggiano forme di persecuzione a danno degli omosessuali durante il fascismo”.


Voce - Ciarrapico: “Baci gay? Che schifo!”

Senza parole :facciapalma:


p.s ecco cosa ha tirato di nuovo fuori Giovanardi, :facepalm:x2

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politi...-35433.htm
NEVE 2012/2013

Metà dicembre circa 1 cm
19-20/01 - 6 cm
11/02 - 9 cm
22/02 - 3 cm
24/02 - 4 cm
17-18/03 - 10 cm

TOTALE 33 cm

www.ibikeit.org
Cita messaggio
#2
no comment
Cita messaggio
#3
che dire? da radiare subito dal ruolo di senatore...
poi discorso a parte per giovanardi.... :facciapalma:
Cita messaggio
#4
mhaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa non so cosa dire...
Il mio Blog e il mio Forum

http://sampei1978.wordpress.com/

http://pescareinsieme.forumcommunity.net/

Voglio entrare nella Legione Straniera!!!
Cita messaggio
#5
Civettadellenevi78 Ha scritto:mhaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa non so cosa dire...

bè sono casi relativamente isolati, stà di fatto che non siamo messi bene si, ma non siamo messi nemmeno male; basti pensarehe ci siano paesi che reprimono l'omosessualità con la pena capitale...
Cita messaggio
#6
DomenicoG Ha scritto:bè sono casi relativamente isolati, stà di fatto che non siamo messi bene si, ma non siamo messi nemmeno male; basti pensarehe ci siano paesi che reprimono l'omosessualità con la pena capitale...


Si, ma siamo in Europa, e son pochissimi i paesi rimasti ad essere su questo livello di inciviltà...in molte nazioni si permette anche l'adozione da parte degli omosessuali :occhio: Non stupiamoci però, si parla di Danimarca, Norvegia, Svezia, ecc...paesi civili
NEVE 2012/2013

Metà dicembre circa 1 cm
19-20/01 - 6 cm
11/02 - 9 cm
22/02 - 3 cm
24/02 - 4 cm
17-18/03 - 10 cm

TOTALE 33 cm

www.ibikeit.org
Cita messaggio
#7
Mi vergogno ogni giorno sempre più di essere italiano e di essere rappresentato da questa gente....

Mi fanno schifo :vomito:
Accumuli inverno 2012: 85 cm circa
Minima inverno 2012: -5 14/02/2012


INVERNO 2012 LA STORIA :wink:
Cita messaggio
#8
certi italiani vivono all'età della pietra
Jackone Ha scritto:c'è un'omosessualità latente che vi trascinate dai tempi de ilmeteo.it....si nota dal modo in cui parlate
Cita messaggio
#9
[video=youtube;-IObffF26dE]http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=-IObffF26dE#![/video]


Minuto 3:10, Lucia Annunziata: Avrei difeso Celentano anche se avesse detto: i gay nei campi di sterminio".


Mi sto divertendo a scovare tutti ste esternazioni tra un pò :ridi:
NEVE 2012/2013

Metà dicembre circa 1 cm
19-20/01 - 6 cm
11/02 - 9 cm
22/02 - 3 cm
24/02 - 4 cm
17-18/03 - 10 cm

TOTALE 33 cm

www.ibikeit.org
Cita messaggio
#10
Solo nel PDL poteva stare un "uomo" del genere


[Immagine: ciarrapico-piccola.jpg]

Giuseppe Ciarrapico (Roma, 28 gennaio 1934) è un imprenditore, politico ed editore italiano.

Il 30 settembre 2010, nel corso del dibattito in Senato sulla fiducia al governo Berlusconi, pronuncia nei confronti di Gianfranco Fini, leader di Futuro e libertà, la seguente frase:"i finiani hanno già ordinato le kippah? Chi ha tradito una volta tradisce sempre". La frase di Ciarrapico suscita forti polemiche tra i partiti e la reazione sdegnata della comunità ebraica italiana. Daniele Nahum, vicepresidente della comunità ebraica di Milano, chiede al capogruppo del Pdl in Senato Maurizio Gasparri l'espulsione di Ciarrapico. Il 4 ottobre 2010 Ciarrapico chiede ufficialmente scusa alla comunità ebraica per le frasi pronunciate al Senato. In una lettera a Gattegna dichiara:"la contestata espressione da me utilizzata, lungi dal voler arrecare offesa all'ebraismo e agli ebrei, e men che meno alla tragica memoria dell'Olocausto, era finalizzata esclusivamente a sottolineare una delle tante contraddizioni che hanno contrassegnato la parabola politica di Gianfranco Fini (...). Non intendo indugiare più a lungo nel porgerle le mie più sentite scuse". Il presidente del Senato, Renato Schifani chiama il presidente delle comunità ebraiche dichiarando che le frasi di Ciarrapico "sono parole inaccettabili".
Nel febbraio 2012, durante la trasmissione La zanzara in onda su Radio24, dichiara: Due gay che si baciano mi fanno schifo. Durante il fascismo venivano mandati a Carbonia, scavavano e stavano benissimo. Oggi non vale nemmeno la pena mandarceli. Arrivano immediate le reazioni da parte della comunità LGBT e del mondo politico, con parole di condanna espresse dall'onorevole Mara Carfagna e dal portavoce del PdL Daniele Capezzone.

La truffa editoriale
Nel maggio 2010 la Guardia di Finanza ha sequestrato immobili, quote societarie e conti correnti nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Roma, in cui Ciarrapico è accusato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Lo stalking a giornalista
Nel marzo 2010 la procura di Cassino chiede per Ciarrapico il rinvio a giudizio con l'accusa di "stalking a mezzo stampa" che sarebbe stato attuato dal senatore ed editore tramite il quotidiano di sua proprietà Nuovo Molise Oggi, con articoli e vignette, pubblicate quasi giornalmente e contenenti insulti, accuse e allusioni a sfondo sessuale rivolti alla giornalista

Il crack dell'Ambrosiano
Nel 1996 è condannato per bancarotta fraudolenta nel processo relativo al crack del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione, ridotti in appello a 4 anni e mezzo. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, ed è stato condannato a scontare gli ultimi 6 mesi in "detenzione domiciliare" per motivi di salute. La condanna è stata confermata dalla Cassazione nel 1998.

Il finanziamento illecito ai partiti
L'11 maggio viene revocato il mandato di custodia cautelare ma la libertà è breve perché Ciarrapico è di nuovo arrestato e trasferito a Milano, con l'accusa di finanziamento illecito ai partiti. Nel 2000, dopo sette anni, Ciarrapico viene condannato in via definitiva, tuttavia, in ragione della sua età, viene affidato ai servizi sociali.

Lo scandalo Safim
Inquisito anche per lo scandalo della Safim-Italsanità, il 18 marzo 1993 viene spiccato nei suoi confronti un mandato di custodia cautelare: entra a Regina Coeli il 21 marzo, insieme a Mauro Leone, figlio dell'ex Presidente della Repubblica e dirigente dell'AS Roma con la gestione Ciarrapico. I due vengono ricoverati nell'infermeria del carcere, mentre la società sportiva sprofonda nel caos. Il 24 aprile dello stesso anno a Ciarrapico vengono concessi gli arresti domiciliari.

La casina Valadier
Condannato per ricettazione fallimentare a quattro anni e mezzo di reclusione, ridotti nel 1999 in Cassazione a 3 anni, per gli sviluppi della vicenda «Casina Valadier», crac da 70 miliardi della società, inglobata irregolarmente da Ciarrapico nella sua "Italfin '80".

Le vicende giudiziarie
Ciarrapico è stato condannato nel 1974 dal pretore di Cassino, gli infligge una multa di 623.500 lire per aver violato per quattro volte la legge che tutela “il lavoro dei fanciulli e degli adolescenti”, sentenza confermata in Cassazione

Il lodo Mondadori
Tra le sue "operazioni" più note vi fu anche il suo intervento, sollecitato da Carlo Caracciolo, nella soluzione del Lodo Mondadori, nel quale fece da intermediario tra Silvio Berlusconi e Carlo De Benedetti.
In quegli anni facevano parte del suo "impero" anche la società di acque minerali Recoaro, diverse cliniche romane, di cui la più nota era "Villa Stuart", la compagnia di aerotaxi "Air Capitol" e la Casina Valadier, noto ristorante di Roma, tutte raccolte sotto la holding capogruppo Italfin '80, successivamente - dopo spregiudicate operazioni che lo portarono a fondere la holding con una società quotata la "Terme di Bognanco SpA" - fallita.
Nel frattempo l'imprenditore portò a termine una delle operazioni per le quali è più ricordato: l'acquisto della AS Roma, conclusosi nell'aprile del 1991. Ciarrapico dovette però lasciare la presidenza della squadra nel 1993, a causa della denuncia e dell'arresto per bancarotta fraudolenta.

Tra fascismo e andreottismo
Cresciuto in Ciociaria, in gioventù è stato un simpatizzante fascista. Negli anni si avvicinò alla corrente andreottiana della DC, rimanendo contemporaneamente amico di Giulio Andreotti e del segretario missino Giorgio Almirante. Negli anni ottanta divenne presidente delle terme di Fiuggi. Continuò comunque a stampare i manifesti dell'MSI (la voce più cospicua delle spese di quel partito) nella sua azienda tipografica di Cassino.
La stessa azienda stampa libri e fascicoli a sfondo revisionista sulla storia, le armi e le forze armate del fascismo (ed in particolare della Repubblica Sociale Italiana) sotto i tipi della Ciarrapico Editore (che non pubblica da anni nuovi titoli), a cui collaboravano dirigenti e intellettuali della destra, tra cui Marcello Veneziani, che fu direttore editoriale, e, negli anni settanta, il giornalista Guido Giannettini. Nell'ambito della sua vicinanza ai movimenti di destra può essere vista anche la partecipazione nel 2001 al funerale di Massimo Morsello, uno dei fondatori di Forza Nuova.
Fu soprannominato il "Re delle acque minerali", essendo proprietario delle grandi terme. Organizzò in quegli anni il Premio Fiuggi, un premio internazionale che vide la presenza del presidente sovietico Michail Gorbačëv, al tempo protagonista della perestrojka.
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)