Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Basta a orari da schiavi!!!..siamo un paese civile...e in crisi....
#1
Oggi una parte dell'Italia si è fermata(+ o meno i soliti):facepalm:,...dietro a tutto ciò una motivazione che lascia a bocca aperta,..specialmente a chi un lavoro nn lo ha o lavora 10 ore al giorno...o più...!!

ahh sì dimenticavo l'oggetto,.....,.le ore di Lavoro dei docenti dovrebbero passare da 18( 3 ore al gg) a 24( 4 ore al giorno,)...ovviamente la protesta(che coinvolge disinteressatamente anche gli studenti) nn cita quante ore(considerate le feste comandate ,ponti, riposo ESTIVO, recuperi, malattie ecc.) vengono effettivamente lavorate in un anno!!..e quanto vale l'ora media lavorata?!?!?!?
....quel piccolo calcolo lo possiamo fare noi visto che tutti quanti, MI CONFERMERETE:popcorn::popcorn:, godiamo di qualche mese estivo di vacanza pagata,feste comandate, ponti e 18 ore lavorate settimanalmente!!!

salut....Smile
Cita messaggio
#2
Scusa ma qui devo dissentire pesantemente. Spesso il lavoro dei professori viene denigrato in questo modo, il che non è affatto giusto...

Prima di tutto non è il primo sprovveduto per strada che diventa prof, ma una persona che ha studiato per anni all'università, ha fatto concorsi pubblici, si è sacrificata per ottenere una cattedra (e ora il mercato delle cattedre è una selva assoluta), secondo un prof non lavora solo quelle 18 ore, ma in modo del tutto gratuito corregge i compiti, prepara le lezioni, fa corsi d'aggiornamento, fa colloqui con i genitori, fa assemblee, tutto questo gratis naturalmente....purtroppo non si vuole capire questo, ma il lavoro di un professore va ben oltre le ''18 ore''...
NEVE 2012/2013

Metà dicembre circa 1 cm
19-20/01 - 6 cm
11/02 - 9 cm
22/02 - 3 cm
24/02 - 4 cm
17-18/03 - 10 cm

TOTALE 33 cm

www.ibikeit.org
Cita messaggio
#3
concordo con Stefano. In ogni caso trovo inaccettabile quello che sta succedendo, da un lato e dall'altro.
Per la scuola, il futuro e un'altra Europa In piazza in tutta l'Ue studenti e lavoratori - Repubblica.it
Ferito poliziotto a Torino Tensioni e scontri in piazza - Speciali - ANSA.it
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/11/...ty/413340/
Sciopero generale, scontri tra studenti e polizia. A Torino bastonato un agente: è grave - IlGiornale.it
Studenti in piazza, subito scontri: agente rischia il linciaggio a Torino A Roma la carica della polizia - corteo, scontri, studenti, monti, milano, roma, torino - Libero Quotidiano
[Immagine: Signordugongo.gif]
Cita messaggio
#4
Stefano1994 Ha scritto:Scusa ma qui devo dissentire pesantemente. Spesso il lavoro dei professori viene denigrato in questo modo, il che non è affatto giusto...

Prima di tutto non è il primo sprovveduto per strada che diventa prof, ma una persona che ha studiato per anni all'università, ha fatto concorsi pubblici, si è sacrificata per ottenere una cattedra (e ora il mercato delle cattedre è una selva assoluta), secondo un prof non lavora solo quelle 18 ore, ma in modo del tutto gratuito corregge i compiti, prepara le lezioni, fa corsi d'aggiornamento, fa colloqui con i genitori, fa assemblee, tutto questo gratis naturalmente....purtroppo non si vuole capire questo, ma il lavoro di un professore va ben oltre le ''18 ore''...

su questo punto concordo perfettamente con Stefano, ma una cosa la voglio dire, ci sono persone che cercano lavoro e non lo trovano, ci sono laureati costretti a lavorare ore e ore per 6/700 € al mese, capisco pure alcune reazioni "contro" i professori, dopotutto loro il lavoro ce l'hanno, e guadagnano credo pure abbastanza bene, hanno varie ferie, e protestano perché gli vengono aggiunte 6 ore la settimana che possono trovare pure il modo di "riprenderle", come? diminuendo il numero dei compiti (o facendoli a crocette che correggi in pochi minuti), quindi da un certo punto di vista posso capire chi è arrabbiato contro di loro, poi chiaro che il lavoro dei professori non è solo quelle 18 ore, ma è davvero così pesante un aumento di 6 ore, essendo ben pagati? c'è bisogno di fare tutte queste proteste? è un momento di crisi, chiaro che bene o male, noi "del popolo" veniamo colpiti tutti..
Instagram - 500px - LinkedIn
Le mie corse su Strava

«To see things thousands of miles away, things hidden behind walls and within rooms, things dangerous to come to, to draw closer, to see and be amazed. That’s Life.»

«Cos'è il genio? Fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'azione.»
Cita messaggio
#5
tra l'altro, curioso che la notizia principale di libero sia "figlia di beppe grillo beccata con la cocaina":confuso:
btw, [MENTION=2175]rjk[/MENTION] permettendo, si potrebbe cambiare il titolo del 3d? non che mi alteri il titolo provocatorio, ma non si capisce di cosa si stia parlando. :accordo:
[Immagine: Signordugongo.gif]
Cita messaggio
#6
Intanto è bene precisare che si tratta di uno sciopero indetto dalla CGIL in 100 città nell'ambito di uno sciopero Europeo indetto dalla Confederazione Europea dei Sindacati. Lo sciopero è contro le politiche di austerità che stanno colpendo, come sempre, le fasce più deboli della società.
Eco un estratto del comunicato:
“Per il lavoro e la solidarietà” e contro le politiche di “solo rigore che stanno alimentando pericolosi processi di recessione in Europa come in Italia”. Con queste motivazioni la Ces, la Confederazione europea dei sindacati, ha indetto per domani mercoledì 14 novembre in tutta Europa una giornata di mobilitazione che la CGIL ha tradotto in quattro ore di sciopero generale con circa cento manifestazioni in tutta Italia (mentre sono state esonerate dallo sciopero le città della Toscana e quelle umbre dell'orvietano colpite dal maltempo). Epicentro simbolico sarà Terni, in Umbria, dove il segretario generale della CGIL, Susanna Camusso, parteciperà alla manifestazione che partirà alle 9.30 dai cancelli della ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni (Ast) di viale Brin per concludersi con i comizi finali, dalle 11.30 in poi, in piazza della Repubblica.

Una scelta, quella di Terni, dettata proprio dal ruolo dell'Europa nel destino delle acciaierie Ast. Lo stabilimento è infatti sul mercato perché, nell'ambito della fusione tra gli impianti di Outokumpu e ThyssenKrupp, il colosso finlandese dell'Inox ha deciso di liberarsi del sito di Terni per evitare una procedura d'infrazione da parte dell'antitrust Ue circa le norme sulle concentrazioni. Serve quindi un'Europa, spiega la CGIL, “che metta al centro il lavoro e la solidarietà e Terni è di fatti un simbolo di questa nostra richiesta”. Ma la giornata di domani si interseca in Italia con le questioni strettamente nazionali. Segna infatti il proseguimento di una mobilitazione della CGIL, dopo la manifestazione di sabato 20 ottobre di Roma, per cambiare anche le politiche nazionali a partire dalle legge di stabilità che, denuncia il sindacato, “dimentica i temi legati al lavoro e alla condizione dei lavoratori”.

Ma se in Europa sono in calendario iniziative in 23 dei 27 paesi dell'Ue, con scioperi generali in programma in Spagna, Portogallo e Grecia, in Italia con quella di Terni ci saranno iniziative in tantissime città italiane, oltre cento quelle coinvolte.

CGIL - Crisi: CGIL, 14 novembre sciopero generale, no all'austerità
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#7
Ferito poliziotto a Torino Tensioni e scontri in piazza - Speciali - ANSA.it
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#8
ragazzi ma tra di noi ,chi lavora e quante ore in settimana lavorate?????..e quante ferie pagate fate in un anno?????

io nn denigro niente e nessuno , qui stiamo parlando di ore lavorate in un anno. La professionalità( e qui chi di voi studenti è miglior testimone???) giudicatela voi,..io avendo figli in varie età scolastica ho la mia idea ben precisa.
Cita messaggio
#9
rjk Ha scritto:ragazzi ma tra di noi ,chi lavora e quante ore in settimana lavorate?????..e quante ferie pagate fate in un anno?????

io nn denigro niente e nessuno , qui stiamo parlando di ore lavorate in un anno. La professionalità( e qui chi di voi studenti è miglior testimone???) giudicatela voi,..io avendo figli in varie età scolastica ho la mia idea ben precisa.

Scusa ma non capisco dove vuoi andare a parere...
La scuola chiude la domenica, i giorni festivi e anche durante il periodo estivo. Che colpa hanno i professori? Ovviamente va chiarito che non si fermano interamente da Giugno a Settembre, visto che ci sono gli esami e la preparazione dell'anno successivo. Stai cercando di fargli passare per privilegiati?
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#10
rjk Ha scritto:ragazzi ma tra di noi ,chi lavora e quante ore in settimana lavorate?????..e quante ferie pagate fate in un anno?????

io nn denigro niente e nessuno , qui stiamo parlando di ore lavorate in un anno. La professionalità( e qui chi di voi studenti è miglior testimone???) giudicatela voi,..io avendo figli in varie età scolastica ho la mia idea ben precisa.

personalmente ho sempre avuto la fortuna(?) di trovare docenti, professori e maestri ben preparati ed oltremodo disposti a mettere a disposizione il loro tempo "libero" per noi studenti. Ci sono state due eccezioni in quasi 18 anni di banchi di scuola, entrambe al liceo ed entrambe risolte a favore di noi studenti. Quindi, per quel che concerne la mia personalissima e puntiforme esperienza, la professionalità del corpo docenti non è mai mancata.
Detto questo, come faceva giustamente notare [MENTION=808]sardo doc[/MENTION] , lo sciopero odierno non nasce per accontentare i capricci della classe/casta di docenti sovraremunerati , da qui la mia richiesta di modificare il titolo del 3d, bensì dal malcontento trasversale e sovrannazionale dovuto all'oramai, per molti, insostenibile situazione di rigore ed austerità. Fermo restando che sono ben conscio del fatto che, al solito, buona parte dei partecipanti ignora le ragioni della mobilitazione e vede in nel #14N un'occasione ghiotta per mettere a ferro e fuoco la propria città e/o lanciare qualche sasso o bomba carta contro i "poliziotti bastardi" ed del fatto che alcuni dei "poliziotti bastardi" vedono questi cortei come un ring ove sfoggiare la loro sfrenata passione per il manganello.
[Immagine: Signordugongo.gif]
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)