Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Autunno 2014: quali prospettive?
#1
Discussione di analisi dei modelli matematici e indici per questa stagione autunnale 2014.



Manca poco alla fine di agosto. E quindi dell'estate meteorologica. Dal primo settembre subentrerà l'autunno meteorologico che, quest'anno, sembra effettivamente coincidere con le previsioni del tempo.
Infatti, stando sia a reading che a gfs06, ci potrà essere una poderosa discesa di un nucleo fresco, che avrebbe il ruolo di favorire un discreto calo termico e precipitazioni temporalesche anche di forte intensità. Temporali dovuti al contrasto tra aria calda preesistente e aria più fresca in arrivo.

Ancora qualche giorno di caldo specie al centro sud, qualche temporale al nord, ma da inizio settembre le carte in gioco potrebbero cambiare. E' presto per dare per defunta l'estate, settembre è ancora lungo...però sarebbe una prima pugnalata al regime subtropicale:30:

[ATTACHMENT NOT FOUND][ATTACHMENT NOT FOUND]
Cita messaggio
#2
Sta per arrivare il periodo dell'anno che amo di più l'autunno grazie per le belle notizie
Fabrizio
Cita messaggio
#3
Ottima discussione, volevo giusto aprirne una simile anche io, mi hai preceduto. Wink
Appena riesco scrivo qualcosa, analizzando la situazione attuale e le interferenze che avrà con il futuro, a partire da QBO, GLAAM, SSTA ecc. Wink
Cita messaggio
#4
In questi ultimi giorni,ma anche si,settimane,qui si sta assaporando l'autunno.Soprattutto la giornata di ieri è stata tipicamente autunnale.Cielo grigio,pioggerellina e temperatura sui 17°..ben vengano percio questi thread!Speriamo siano di buon auspicio Big Grin
Inverno 2011/2012 accumuli: Tot. 9cm

Inverno 2012/2013 accumuli: Tot. 36,5cm

Inverno 2013/2014 : anno senza inverno

Inverno 2014/2015 accumuli : Tot. 6cm


Stazione Meteorologica di Thiene. (150 m.s.l.m.)

http://www.avmeteo.it/

[Immagine: cam.jpg]
Cita messaggio
#5
L'estate meteorologica si avvia alla conclusione, e ciò è già visibile dal progressivo raffreddamento in area polare, ove come sempre i raggi solari con il finire della stagione si fanno meno intensi, quindi con insolazione diurna più limitata, e raffreddamento fisiologico. Aspettando di vedere scaturire il primo serio abbozzo del futuro VPT, che come ogni anno sarà il protagonista delle dinamiche meteorologiche a livello emisferico, e del VPS, con le interazioni tra troposfera e stratosfera, risulta lecito chiedersi quali saranno le sorti del futuro autunno.
Nel panorama degli indici che influenzano le condizioni meteorologiche nel nostro continente, riveste un'importanza elevata la QBO. Dando una breve spiegazione dell'indice per tutti coloro che leggono e non sono molto ferrati con gli indici, essa descrive la situazione nella bassa stratosfera a livello equatoriale, dove il regime dei venti subisce un cambiamento ciclico e regolare ( generalmente ogni due anni, tenendo pur sempre presente della stocasticità del sistema atmosfera ). Questa variazione biennale è resa possibile dall'azione combinata di vari tipi di onde ( waves ), le quali hanno genesi dall'attività termoconvettiva nella troposfera equatoriale. Essendo la dinamica non semplicissima, e non essendo oggetto della mia trattazione, rimando eventualmente ad un altro TD la spiegazione più dettagliata.
Dunque, tornando al fulcro della questione, attualmente la QBO è in terreno negativo ( - ) a 30mb, come dimostra in modo eloquente questa carta, dove si notano le anomalie fortemente negative del vento zonale in sede equatoriale.
[ATTACHMENT NOT FOUND]
A 50mb l'inversione dei venti zonali è in atto, e attualmente non si ha un'anomalia predominante, come dimostrato dalle seguente immagine.
[ATTACHMENT NOT FOUND]
Nelle prossime settimane comunque dovrebbe virare in terreno negativo, con un'anomalia ben marcata in entrambi i punti nevralgici per il rilevamento del suddetto indice, specie da ottobre in poi.

Quali conseguenze avrà ciò?
Partiamo con il dire che nella valutazione degli effetti della QBO nel trimestre autunnale ( SON ) ho deciso di dividere l'analisi statistica in due 'tempi' diversi, per assonanza di effetti su scala europeo, ovvero settembre-ottobre e poi novembre.
Oggetto della trattazione odierna sarà il periodo settembre-ottobre, lascio per un post successivo l'analisi anche del mese di novembre.
Partendo con il periodo settembre-ottobre, ecco la correlazione con lag 0 tra la QBO e le anomalie di GPT a 500hpa in Europa.
[ATTACHMENT NOT FOUND]
Si noti come in regime di QBO+ ( - ) su gran parte dell'Europa prevalgano anomalie positive ( negative ).
Estendendo l'osservazione all'intero emisfero settentrionale, ecco cosa ne risulta.
[ATTACHMENT NOT FOUND]
Si noti come in caso di QBO+ ( - ), si vada a formare una sorta di tripolo - + - ( + - + ), dove le anomale sono site in ordine nell'est Atlantico settentrionale- Europa- settore russo euro-asiatico.

Dal momento che la prossima stagione autunnale sarà caratterizzata da QBO-, ho plottato le anomalie di GPT a 500hpa di tutti gli autunni ( da quando è disponibile l'archivio NOAA di tale indice ) con il suddetto segno, e i risultati sono stati i seguenti ( come d'altronde già la correlazione vigente lasciava intuire ).
[ATTACHMENT NOT FOUND]
Notiamo appunto che nella zona di nostra interesse abbiamo anomalie negative, mentre ad ovest ed ad est le anomalie positive sono ben marcate. Interessante inoltre notare la forte anomalia negativa alle alte latitudini, sempre del comparto europeo.
Ecco anche quelle a livello emisferico.
[ATTACHMENT NOT FOUND]
Quindi questo indice lascia propendere per i primi due mesi autunnali caratterizzati da anomalie negative di GPT a 500HPA. Essendo la meteo caratterizzata e soprattutto determinata dall'azione di numerose variabili, questo risultato sarà confermato o smentito solo con l'analisi dei vari altri indici, che ci daranno ulteriori informazioni e ci consentiranno di ottenere una tendenza previsionale più affidabile.
Buona serata. Wink
Cita messaggio
#6
Ottima analisi Luca Smile
Cita messaggio
#7
Grazie luca
Cita messaggio
#8
Ma quello che non capisco è cosa comporta un'anomali negativa dei gpt in sede italica.
Come mostrato nella cartina di riferimento nell'europa dell'est c'è una forte anomalia positiva,nell'atlantico che si affaccia sulle coste portoghesi e inglesi medesima anomalia e in zona nord europa fortissima anomalia negativa.
Questo preciso seguirsi di specifiche zone con suddette anomalie in termini climatici,non so come meglio dirlo,cosa comporta a scala europea e in specifico in sede italica?Nel senso,non sto chiedendo una previsione dettaglia,bensì a quali risultati portano anomalie disposte in quel preciso modo.Spesso mi sono trovato di fronte a cartine del genere,ma non sono mai riuscito a dare un significato più "potabile" per me.
Inverno 2011/2012 accumuli: Tot. 9cm

Inverno 2012/2013 accumuli: Tot. 36,5cm

Inverno 2013/2014 : anno senza inverno

Inverno 2014/2015 accumuli : Tot. 6cm


Stazione Meteorologica di Thiene. (150 m.s.l.m.)

http://www.avmeteo.it/

[Immagine: cam.jpg]
Cita messaggio
#9
Liviustu Ha scritto:Ma quello che non capisco è cosa comporta un'anomali negativa dei gpt in sede italica.
Come mostrato nella cartina di riferimento nell'europa dell'est c'è una forte anomalia positiva,nell'atlantico che si affaccia sulle coste portoghesi e inglesi medesima anomalia e in zona nord europa fortissima anomalia negativa.
Questo preciso seguirsi di specifiche zone con suddette anomalie in termini climatici,non so come meglio dirlo,cosa comporta a scala europea e in specifico in sede italica?Nel senso,non sto chiedendo una previsione dettaglia,bensì a quali risultati portano anomalie disposte in quel preciso modo.Spesso mi sono trovato di fronte a cartine del genere,ma non sono mai riuscito a dare un significato più "potabile" per me.
Hai fatto bene a chiedere, perché molto spesso si usano quelle carte ( anche io le uso frequentemente ).
Senza eccedere in spiegazioni puramente fisiche ( che non farebbero altro che confondere le idee, l'unica annotazione puramente tecnica è la definizione di geopotenziale, che è la seguente 'l’energia che occorrerebbe spendere contro la forza di gravità per portare una massa d’aria unitaria dal suolo (geopotenziale nullo) fino ad una certa altitudine prefissata.). Il parametro più interessante è l'altezza del geopotenziale, dove avremo aree dove una pressione standard ( ad es. 500hpa ) si troverà più in alto ( sopraelevata ), o più basso ( depressa ). Le masse d'aria aggirano in senso orario le aree con altezza di geopotenziale maggiore ( e quindi HP ), in senso antiorario quelle 'depresse' ( LP). Essendo le carte postate inerenti alle anomale dell'altezza geopotenziale a 500hpa, anomalie negative portano generalmente a una circolazione prettamente ciclonica, viceversa anomalie positive anticiclonica. Spero di aver chiarito le idee, come per qualunque domanda chiedi pure. Wink
Cita messaggio
#10
[ATTACHMENT NOT FOUND]

Burian... d'autunno? :occhio:
Franco, siamo giusti: tu non saresti polemico, solo che presumi molto di te, e questo ti rende polemico!
-
Non è giustificato rubare da poveri in un Paese ricco, ma è addirittura CRIMINALE rubare da ricchi in un Paese povero.
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)