Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Anonymous attacca il sito di Paniz
#1
Codice:
All'attenzione di TUTTI i cittadini italiani!
Siamo alle prove generali per l'affermazione di un pensiero unico in Italia.
Il giudice delle indagini preliminari di Belluno, Aldo Giancotti, ha ordinato la chiusura dell'intero portale dedicato alla strage del Vajont, costata la vita nel 1963 a 1910 persone.
Il sito in questione (http://www.vajont.info/), è "colpevole" di aver scritto: "E se la mafia è una montagna di merda...i Paniz e gli Scilipoti sono guide alpine!". Se l'italiano non è un opinione, l'uso del plurale in detta frase non si rifà alle persone ma a ciò che rappresentano, quindi come prima osservazione viene da chiedersi se non sia giusto che chi giudica lo scritto non sia tenuto alla conoscienza della lingua dello scrivente. Inoltre c'è da considerare il diritto degli "scilipoti e paniz" sopra al diritto di migliaia di utenti che avevano come riferimento il portale oscurato; fra i documenti destinati a scomparire almeno per un periodo dalla rete, molte fotografie, interviste, e rappresentazioni teatrali come quella tenuta a febbraio dai ragazzi di uno dei paesi della comunità ancora sconvolta dal ricordo del disastro.
Interessante è notare come la magistratura italiana abbia fatto il suo esordio censorio in rete con un portale del genere, andando a ledere il diritto primario all'informazione, come se si volesse costiuire un precedente: il giudice decide cosa si puo' scrivere e cosa si puo' sapere, ledendo gravemente i diritti all`informazione dei cittadini italiani che potrebbero vedere scomparire dal mondo della rete interi quotidiani, blog, portali informativi, in virtù di una o più frasi ritenute lesive dei diritti di un singolo cittadino.
Per queste ragioni non perdiamo l'occasione di tacere ed agiamo!!!
Wikileaks dice "Informations want to be free". E voi cari avvocati? Oltre ai soldi e alla reputazione, un pò di sana libertà non ve la volete godere? A quanto pare no, quindi abbiamo deciso di farvi incazzare un bel pò iniziando un lungo processo di attacchi, che comincia proprio con http://www.mauriziopaniz.it/.

<Anonymous> brb admin :3

We are Anonymous
We are Legion
We do not forget freedom
We do not forgive injustice
United as 1. Divided by 0.
EXPECT US!

Comunicato anonymous - vajont.info chiuso? lol NO. - Pastebin.com

----

Anonymous attacca il sito di Paniz Che si difende: «Tradita la memoria del Vajont»
Il deputato Pdl: «Diffamato in maniera sistematica» Dopo una sua denuncia, oscurato un sito sul disastro


MILANO - Il termine tecnico è «defacing». Il volto mascherato simbolo di Anonymous è apparso nel pomeriggio di sabato sulla schermata del sito del deputato Pdl Maurizio Paniz: «Salve Maurizio Paniz, piacere di conoscerla. We are Anonymous». Si legge nel messaggio che per qualche ora ha campeggiato sull'home page, rimasta comunque inattiva per il resto della giornata. L'incursione informatica è la reazione degli hacker italiani all'oscuramento del sito Vajont.info, disposto dal gip di Belluno Aldo Giancotti su richiesta proprio di Paniz. Il sito conteneva una definizione pesantemente sarcastica del deputato Pdl e del suo collega Domenico Scilipoti. Per giunta l'autore, Tiziano Dal Farra, è già stato querelato almeno altre sei volte da Paniz. Circostanza che per il magistrato «rende più consistente il periculum in mora».

IL TRADIMENTO DEL VAJONT - Per Paniz Vajont.info non ha nulla a che vedere con il disastro del 1963 in cui persero la vita 1918 persone. «Conteneva solo alcuni dati gettati alla rinfusa - spiega l'onorevole - per il resto era un paravento per poter continuare ad insultarmi. Dal Farra non può essere assolutamente considerato come uno storico del Vajont, basta chiedere a chiunque a Longarone». Lo studio di Paniz è stato inondato di lettere di proteste. Al punto da sentirsi due volte penalizzato da questa vicenda: «La persona in questione - continua - è stato condannato e querelato più volte per diffamazione, eppure si fa beffe delle sentenze e dei provvedimenti giudiziari. E continua nella sua azione diffamatoria aprendo siti anche all'estero. Quest'ultimo sito oscurato è stato ad esempio aperto in Arizona. E a quanto ha già dichiarato continuerà ad aprirne ovunque nel mondo. Altri suoi siti sono stati chiusi, ma continuava ad aprirne di nuovi. La chiusura del provider è la conseguenza di questa inconcepibile ostinazione».

IL COMUNICATO - Dall'altra parte della polemica, Anonymous Italia spiega in un comunicato il senso della propria azione di protesta: «Siamo alle prove generali per l'affermazione di un pensiero unico in Italia. Il diritto degli "scilipoti e paniz" viene tenuto in considerazione sopra al diritto di migliaia di utenti».

Antonio Castaldo
18 febbraio 2012 | 19:10 RIPRODUZIONE RISERVATA

Anonymous attacca il sito di Paniz Che si difende: «Tradita la memoria del Vajont» - Corriere.it
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#2
E non solo

[Immagine: Z4H7p.png]

"La Padania è una invenzione di marketing di Miglio prima e di Boss(ol)i poi, l'Italia un'annessione avvenuta con il sangue del Sud e l'occupazione del Nord Est da parte di politici e imprenditori sabaudi con le pezze al culo (i predecessori di Tronchetti). Negare queste evidenti realtà ha permesso la nascita della Lega che viene considerata da chi la vota il male minore, ma non ne rappresenta le identità culturali, storiche, economiche, ambientali, linguistiche. E negare questa realtà ha consentito la nascita del fascismo e nel dopoguerra il MSI e il suo ingresso nel Governo. Il Risorgimento ci ha liberato dalle potenze straniere per trasformarci nella Portaerei Americana, lo Stato europeo con la più alta concentrazione di basi americane d'Europa. Le differenze tra i diversi popoli della Penisola sono un tabù così forte che dopo 150 anni non è ancora stato seriamente discusso. La Lega non rappresenta un piemontese, così come un emiliano o un trentino. Li accomuna tutti in un racconto di fantasia confutabile da qualunque studente di quinta elementare e radicalizza uno scontro tra due Italie, il Nord e il Sud, su base economica, sugli "schei". La Padania è una balla, il Piemonte, il Veneto, la Toscana sono invece reali, sono Stati non Regioni, così come lo sono la Sicilia e la Sardegna. Prima se ne prenderà atto, prima ci libereremo dalla Lega e metteremo le basi per una Nuova Italia, finalmente in pace con sé stessa."


Dopo Maurizio Paniz :: Sito Ufficiale e Raffaele Fitto tocca anche a voi. Ed è solo l'inizio. :>

We are Anonymous.
We do not forgive.
We do not forget.
Expect us.
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio
#3
Bloccato il portale del Vajont Ricorrono 200 provider italiani - Corriere.it
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)