Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
19 anni fa la mafia uccideva Giovanni Falcone
#1
E’ il 23 maggio 1992 quando sull’autostrada A29 all’altezza dello svincolo di Capaci esplodono 5 quintali di tritolo: perdono la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Si tratta di un attentato di una violenza inaudita che in Italia, e forse nel mondo, non ha precedenti; un attentato che riesce perfettamente nel suo intento: fare fuori il giudice Giovanni Falcone. La Strage di Capaci rappresenta una delle pagine più nere della storia italiana, ma anche una delle più misteriose: nonostante le condanne definitive in Cassazione, sono infatti molti i dubbi sui reali mandanti dell’attentato.

Nel 2002 sono stati riconosciuti colpevoli della strage 24 imputati; nel 2008, invece, la Cassazione ha condannato 12 persone in quanto mandanti: si trattava Salvatore Montalto, Giuseppe Farinella e Salvatore Buscemi, Giuseppe Madonia, Giuseppe Montalto, Carlo Greco, Pietro Aglieri, Benedetto Santapaola, Mariano Agate, Benedetto Spera, Antonino Giuffrè e Stefano Ganci. Questa è, in estrema sintesi, la storia processuale dell’attentato, ma forse sotto c’è molto di più. Ed è roba che scotta. L’indagine sulla strage di Capaci e su quella di via D’Amelio, nella quale perse la vita il giudice Paolo Borsellino, ha infatti portato ad indagare sui servizi segreti e a chiedere che venisse tolto il segreto di Stato da alcuni fascicoli. Come ipotizzato dalla Procura di Caltanissetta ci potrebbero essere stati funzionari della sicurezza che avrebbero partecipato o collaborato alle stragi. Una collusione tra Stato e Mafia che è ancora tutta da dimostrare, ma che, stando anche alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, non sembra essere poi così impossibile.

Falcone era un personaggio decisamente scomodo, uno che non aveva timore di denunciare e di indagare i sottili e raffinati equilibri tra mafia, politica e imprenditoria. Era sempre in prima linea contro la criminalità organizzata siciliana e fece della lotta al malaffare la sua missione di vita: nel suo lavoro mise tutta la passione di chi a Palermo c’era nato e di chi voleva vedere Palermo e la Sicilia guarite dal cancro della mafia. “La mafia non è affatto invincibile. È un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha avuto un inizio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine”- diceva. Gli uomini passano ma le idee restano e quelle di Falcone continuano a riecheggiare nella sua terra come una dolce melodia di speranza.

Strage di Capaci: 19 anni fa la mafia uccideva Giovanni Falcone | Social Media Fanpage


Rendiamo onore ad un grande eroe, che insieme a Paolo Borsellino, diede la vita per la lotta contro la mafia....:applausi::applausi:

[Immagine: Giovanni+Falcone.jpg]
"La Sardegna. Questa terra non somiglia a nessun altro luogo"D.H. Lawrence

"QUI VIGE L'UGUAGLIANZA: NON CONTA UN CAZZO NESSUNO!" cit.

"Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere"
Bertolt Brecht
Cita messaggio
#2
La via che incrocia quella dove abito si chiama da qualche anno Via Borsellino, poco più in là c'è Via Falcone... sinceramente vorrei che non ci fosse stato bisogno di questo... Rendiamogli onore, intitoliamogli le vie, ma non ci sarà vera giustizia finchè non si arriverà a chiarire TUTTA la vicenda...
"Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile." (Enrico Letta, 8 aprile 2013). :buah:

La mia stazioncina meteo online (versione "quasi" definitiva)... Smile
http://rieticentrometeo.altervista.org

Terminillo.ORG Smile
----------
[SIGPIC][/SIGPIC]
Cita messaggio
#3
Per essere considerato un eroe è dovuto morire...
C'è un confine sottile tra uno sbaglio e un colpo di genio; purtroppo dovresti essere un genio per vederlo.

Sheldon Cooper

L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé


Johann Wolfgang von Goethe
Cita messaggio
#4
Senza il tuo post non me lo sarei nemmeno ricordato, in televisione non se ne sta minimamente parlando, o almeno a me sfugge...
Cita messaggio
#5
Proprio per questo preferisco ricordare la sua nascita non la sua morte.
[Immagine: xzCrUL7.gif]
Mike:"You know what happened. The question is, can you live with it?”

"Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l'aspetto di giganti"
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)